Caricare batteria auto

Tipi di batterie per auto e componenti fondamentali

La batteria è una parte fondamentale del motore senza la quale l'auto non può nemmeno mettersi in moto. Sono composte da sei celle, o scomparti per semplificare, contenenti ognuno una lastra di metallo immersa in una soluzione acida, la reazione chimica tra questi elementi produce energia, per la precisione 2V in tensione per ogni cella. Una batteria per auto produce quindi 12V (6 volte una cella da 2V), quelle per i camion invece sono grandi il doppio e producono 24V. La tipologia più diffusa e conosciuta è quella che utilizza come metallo il piombo e come liquido una soluzione di acqua e acido solforico. Esistono tipi di accumulatori che utilizzano delle lastre di fibra di vetro al posto del piombo, sono le AGM e sono leggere e indicate per le motociclette; altri tipi utilizzano del poliestere e sono le EFB, particolarmente adatte per il sistema Start and Stop. Esistono poi le batterie al gel, il quale sostituisce la soluzione acida amplificando moltissimo le prestazioni. Infine le batterie agli ioni di litio usate per veicoli elettrici. L'alternatore è il componente del motore che serve a caricare batteria auto.
Estrazione di una batteria da un'auto

Extra-Mini Alluminio Caricabatterie Auto RAVPower a 2 Porte, 24W / 4.8A, Caricatore USB Universale con Tecnologia iSmart per iPhone, iPad, Smartphone, Galaxy, Huawei, LG, Nexus, TomTom, ecc. -Nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€


I valori di una batteria, quantità di carica e utilizzo

L'interno di una batteria per auto I riferimenti di ogni batteria sono tensione (volt, V), capacità di erogazione (ampere /ora, Ah) e spunto, cioè la potenza di erogazione all'avviamento (ampere, A). Queste variabili sono in grado di definire la batteria in base alle sue prestazioni. I volt sono sempre circa 12,6 e sono indicatore del livello di carica. Se scendono al di sotto di 11, la batteria è scarica e non è in grado di accendere o di mantenere in funzione una macchina. Generalmente è il caso in cui l'alternatore non funziona correttamente e non è in grado di caricare batteria auto durante la marcia. Gli ampere/ora indicano la potenza dell'accumulatore nel tempo, devono rispettare almeno il valore indicato dal libretto di uso dell'auto, tipicamente tra i 50 e i 75Ah. Batterie con un valore maggiore, anche di 120Ah, sono disponibili e utilizzate soprattutto per la zona abitabile di barche o camper. Questo tipo di batterie hanno infatti una notevole durata di carica ma uno spunto molto ridotto. Quest'ultimo indica è la potenza erogabile al momento dell'accensione, è normalmente 8 volte gli Ah ed è fondamentale che sia elevato per i sistemi Start and Stop che necessitano di un'avviamento veloce e deciso.

  • far ripartire batteria auto La batteria di un'auto è il dispositivo contenente la corrente elettrica che alimenta tutti i componenti del circuito passando attraverso i suoi diversi fili. La sua tensione, che quasi sempre è di 12...
  • Trapano a batteria con accessori Il trapano a batteria è un utensile sempre più diffuso, a discapito della versione munita di cavo da collegare alla rete elettrica di casa. I trapani a batteria sono utilizzati soprattutto dagli hobbi...
  • Trapano avvitatore a batteria I trapani avvitatori a batteria sono degli utensili capaci di avvitare o forare il legno, i metalli e in alcuni casi anche il cemento. Si tratta di strumenti utilissimi nell'ambito dei lavori fai da t...
  • Come sostituire la batteria dell'automobile Una delle cose più antipatiche che possa succedere è rimanere a piedi perché la batteria è scarica e l'automobile non si mette più in moto. Se si è fortunati è possibile rintracciare il proprio mecca...

AUKEY Caricabatteria da auto, Ultra Compatto, Dual Porta USB 4.8A/24W per iPhone, iPad, Tablet, Smartphone e gli altri dispositivi USB

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,49€
(Risparmi 2,5€)


Prendersi cura della batteria

Apertura tappi per il rabbocco dell'acido Se il motore è acceso, a caricare batteria auto ci pensa l'azione dell'alternatore che sfrutta il moto dell'albero motore per generare un flusso di corrente elettrica continua e indirizzarlo all'accumulatore. Purtroppo le batterie subiscono deteriorazione dei materiali e per questo la reazione chimica che avviene all'interno, dopo un lungo utilizzo nel tempo, perde efficacia. Per evitare che questo accada basterà effettuare della semplice manutenzione e utilizzare qualche accorgimento. Per prima cosa è bene, nonostante siano vendute precaricate, mettere sotto carica lenta una batteria nuova per circa 8 ore. Dopo averla montata nel suo alloggiamento e collegata ai morsetti, cospargerli di vasellina o di grasso per batterie, eviterà che i connettori subiscano ossidazione. Se la batteria lo prevede, controllare periodicamente il livello degli acidi ed eventualmente rabboccarlo con acqua distillata. Se invece si possiede un modello sigillato è probabile che questo abbia una zona trasparente detta occhio magico, se il colore al suo interno è verde la batteria è carica, se è nero è scarica e se diventa bianco, è da sostituire.


Caricare batteria auto: In quali casi caricare batteria auto e come

Batteria collegata ai morsetti Può capitare di accorgersi che l'auto fa fatica ad accendersi, che il motore tossisca prima di mettersi in moto, questo può essere dovuto a una batteria non più in perfette condizioni. Correre ai ripari diminuirà il rischio di trovarsi improvvisamente a piedi a causa della batteria troppo scarica. Se si dispone di un caricatore da collegare alla presa del garage, allacciarlo semplicemente ai poli della batteria rispettando la posizione del positivo e del negativo e lasciarla attaccata per almeno 8 ore. Non è necessario scollegare i morsetti dell'impianto per la ricarica, è però consigliato farlo per controllare lo stato dei poli dell'accumulatore. Nel caso ci si trovi con senza energia è possibile utilizzare appositi cavi per collegare la batteria scarica a quella carica di un'altra auto rispettandone i poli, mettere in tensione l'accumulatore carico avviando il motore e successivamente far partire l'altra auto. A questo punto è possibile scollegare i cavi. Ricordarsi che se ci si affida solo all'alternatore, è bene utilizzare il motore per almeno 15-20 minuti per caricare batteria auto. Una corretta e periodica manutenzione eviterà questi inconvenienti.



COMMENTI SULL' ARTICOLO