Collaudo

Il collaudo auto

Il collaudo auto è indicato, in gergo tecnico, come revisione. Si tratta di un test per verificare che una vettura usata sia ancora in perfetto stato di mantenimento, per poter dare l'autorizzazione alla circolazione su strada. Il collaudo auto deve obbligatoriamente essere effettuato a precise scadenze, pena il pagamento di sanzioni abbastanza importanti e il ritiro del libretto di circolazione. Il collaudo deve essere effettuato da tutti i mezzi circolanti su strada, non solo le automobili. Devono sottostare a questa verifica anche i furgoni, i camion, i taxi e soprattutto i veicoli particolari o speciali. La legge prevede questo tipo di controllo in quanto può risultare molto pericoloso il fatto che sulle strade circolino veicoli in stato di conservazione precario. Questi mezzi non solo possono essere causa di incidenti, ma possono essere soggetti anche ad avarie durante la marcia, o anche durante la sosta. Una vettura che passa la revisione non può circolare, se non dopo aver apportato apposite modifiche o riparazioni.
Collaudo dell'auto

Manuale del collaudo e dei controlli tecnici per opere edili, civili e impiantistiche. Con CD-ROM

Prezzo: in offerta su Amazon a: 37,4€
(Risparmi 6,6€)


Ogni quanto fare il collaudo

Collaudo auto La legge italiana riporta precisi intervalli di tempo entro cui è obbligatorio fare il collaudo, o la revisione. Le automobili nuove hanno 4 anni di tempo per sottoporsi al primo collaudo, mentre dopo questo l'intervallo dimezza e diviene obbligatorio fare la revisione ogni 2 anni. Lo scadere di tale periodo è calcolato basandosi sulla data presente sul libretto di circolazione. Dopo tale data specifica si ha un mese di tempo per regolarizzarsi, al termine dei 30 giorni si è passibili di sanzione amministrativa. Ci sono una serie di situazioni però in cui il collaudo deve essere affrontato ogni anno: nel caso in cui l'automobile di proprietà sia un taxi, o si tratti di una vettura adibita a noleggio con conducente. Non solo le automobili devono essere sottoposte a revisione, ma anche i mezzi di trasporto di altro genere circolanti su strada, compresi quelli pubblici, come autobus o tram.

  • Motociclo che necessita di revisione La prima revisione motocicli va fatta dopo quattro anni di libera circolazione con il proprio veicolo, nello stesso mese in cui è stata emessa la carta di circolazione quattro anni prima. Non è vietat...
  • Controllo olio Il tagliando auto è un controllo periodico che si effettua sulle componenti del motore e del veicolo che tendono a deteriorarsi con il normale utilizzo della vettura. Durante un normale tagliando aut...
  • caricabatterie per auto Il caricabatterie auto è un congegno che non dovrebbe mai mancare negli attrezzi di qualunque meccanico fai da te. Si tratta infatti di uno strumento estremamente utile, dato che permette di ricaricar...

Collaudo statico delle strutture. Secondo le NTC 2018

Prezzo: in offerta su Amazon a: 66,3€
(Risparmi 11,7€)


Le sanzioni per il mancato collaudo

Collaudo Se la revisione è scaduta la circolazione del mezzo in questione è consentita solo nel momento in cui ci si reca ad un centro per effettuare il collaudo. Se le forze di polizia ci trovano a guidare un'auto con il collaudo scaduto ci sarà comminata una sanzione amministrativa pari a 168 euro. In tale circostanza ci sarà prelevata la Carta di Circolazione e la nostra vettura si dovrà considerare sospesa, ossia impossibilitata a circolare sulle strade italiane ed europee. In pratica si potrà guidare la vettura sino ad un centro per il collaudo, senza soste o deviazioni. Se la revisione mancante non è solo l'ultima, ma anche le precedenti, la multa aumenta per il numero di collaudi non effettuati, quindi la cifra da pagare può aumentare rapidamente. Una sanzione molto maggiore si ha nel caso in cui si circoli con automobile sospesa; in questa situazione la multa è pari a 1941 euro, con fermo amministrativo del veicolo per 90 giorni.


Le novità del 2017

Collaudo di una vettura A partire da alcuni anni fa la motorizzazione civile italiana ha messo a disposizione delle forze dell'ordine un database completo di tutti i veicoli circolanti, con tutti i dati che li riguardano. Tali dati possono essere verificati a partire dal numero di targa, questo rende possibile l'invio di sanzioni amministrative dopo il passaggio sotto telecamere di vigilanza, dette in gergo tutor, poste su strade ed autostrade italiane. Dal 2017 i dati della motorizzazione sono accessibili anche alle autofficine autorizzate ad effettuare il collaudo auto. Questo comporta l'obbligo, da parte del personale dell'autofficina, di non effettuare il collaudo su vetture sottoposte a fermo amministrativo o per le quali risulta non ancora pagata la tassa di circolazione per l'anno in corso, il cosiddetto bollo auto. Oltre a questo il personale addetto alle revisioni degli autoveicoli dovrà seguire appositi corsi di formazione, atti a migliorarne le conoscenze in fatto di sicurezza delle vetture.


Come si fa il collaudo

Il collaudo si può effettuare direttamente presso gli uffici della Motorizzazione civile presenti sul territorio, che quotidianamente effettuano questo tipo di test. Per alcuni tipi di veicolo questo è l'unico modo per poter effettuare la revisione, cosa che causa spesso un sovraffollamento degli appositi siti della Motorizzazione. Da alcuni anni il collaudo è possibile anche presso numerose autofficine autorizzate, munite della strumentazione necessaria. Si tratta di autofficine dove esiste personale in grado di effettuare una corretta revisione, che verifica il corretto funzionamento di alcuni elementi della vettura. In particolare si esaminano: freni, impianto elettrico, sospensioni, gas di scarico e rumorosità del motore, visibilità dal posto di guida, usura dei semiassi e degli pneumatici, funzionamento di installazioni particolari. Se tutti questi elementi funzionano in modo corretto e non mostrano un'usura eccessiva la macchina supera il collaudo e può tornare sulle strade. In genere per effettuare il collaudo serve meno di un'ora e molte autofficine fissano ai loro clienti un appuntamento preciso, per rendere le operazioni di revisione il più semplici e veloci possibile.


Collaudo: Quanto costa

Collaudo Il costo del collaudo non è particolarmente elevato, soprattutto se si considerano i disagi dovuti alla mancata revisione. Il metodo meno costoso consiste nel recarsi alla Motorizzazione, dove si pagheranno solo 45€ per l'intera operazione di verifica e di consegna dei certificati che attestano la possibilità di circolare. Visto che presso la Motorizzazione è difficile riuscire ad ottenere un appuntamento, per ottenere la revisione del veicolo si devono attendere tempi a volte molto prolungati; per questo motivo molte persone preferiscono rivolgersi alle officine autorizzate. Presso queste sedi il collaudo ha un costo di 65€, IVA compresa, cui si devono aggiungere in genere dai 10€ ai 15€ per il disbrigo delle pratiche. Conviene ricordare che in sede di revisione l'esperto che effettua i test potrebbe riscontrare delle problematiche nella vettura, che vanno subito riparate per poter superare il collaudo. Questi costi aggiuntivi non dovrebbero però essere considerati come spese per il collaudo, ma per la manutenzione ordinaria o straordinaria della vettura.



COMMENTI SULL' ARTICOLO