Quercia rossa

Che cos'è la quercia rossa e le sue caratteristiche

La Quercia rossa appartiene al genere Quercus, il più importante e vasto della famiglia delle Fagacee. Questa pianta è originaria dell'America settentrionale, tuttavia viene impiegata da decenni come pianta ornamentale nei parchi, nei giardini oppure nei viali delle città. Questa specie si presenta come un albero di notevole altezza e dalla chioma grande e folta. Il nome della pianta deriva dal fatto che le foglie sono di colore rosso ramato, fatto che rende gli esemplari veramente spettacolari e di notevole impatto. La Quercia rossa non necessita di cure intensive, tuttavia è bene innaffiare la pianta alla radice: si tratta di un accorgimento che consente di far rimanere il terreno sempre umido, senza disperdere il liquido. Questa procedura deve essere seguita ancora più scrupolosamente per le giovani Querce, che necessitano di una maggiore quantità d'acqua. Invece il fabbisogno idrico degli esemplari più vecchi è coperto dalle piogge invernali.
Quercia rossa

CLP Sedia Poltroncina UTRECHT in Tessuto - Poltrona da Soggiorno con Portata Max 150 kg I Sedia per Sala Attesa Imbottita e Telaio in Legno di Quercia I Sedia da Salotto con Braccioli rosso Colore base: natura

Prezzo: in offerta su Amazon a: 89,9€
(Risparmi 20€)


Come coltivare la quercia rossa in giardino

Alberi querce Il gruppo delle Querce americane viene suddiviso in tre sottogruppi, detti rispettivamente Querce bianche, rosse e nere. Nel secondo gruppo la più nota è la Quercia rossa. Questa pianta può essere coltivata in giardino a partire dai semi oppure mettendo a dimora una piantina acquistata in un vivaio. I semi vanno piantati durante l'autunno quando assumono una colorazione bruna: è necessario innaffiare abbondantemente per permettere lo sviluppo delle radici. Un regolare apporto d'acqua è fondamentale per ottenere un esemplare sano e di notevole bellezza, che non venga colpito da malattie. La potatura della Quercia rossa prevede diverse operazioni: alla fine di maggio si esegue la pinzatura del germoglio per gestire la crescita della pianta. Invece la potatura vera e propria dei rami consente di eliminare quelli secchi, malati o storti.

  • Bonsai quercia Questa pianta arborea proviene dal vecchio continente, oltre che dall'Asia e dall'America, ed è da sempre apprezzato per il portamento maestoso e imponente. La versione bonsai andrà posizionata all'ap...
  • Quercus Suber Il sughero non è altro che una specie di corteccia che alcune varietà di querce producono sul tronco a scopo protettivo.L'albero Quercus Suber è detto anche sughera e cresce ormai naturalizzato nel ba...
  • Esemplare di alberi ad alto fusto Gli alberi sono specie vegetali di grande bellezza e che possono essere molto diversi l'uno dall'altro per altezza, forma della chioma, dimensione del tronco, caratteristiche e necessità colturali. Ad...
  • Giardino con alberi Non occorre uno spazio particolarmente ampio per poter avere il piacere di coltivare uno o più alberi da giardino. Ne esistono di così tante tipologie che sicuramente si può affermare che c'è un alber...

CLP Sedia Poltroncina UTRECHT in Similpelle - Poltrona da Soggiorno con Portata Max 150 kg I Sedia per Sala Attesa Imbottita e Telaio in Legno di Quercia I Sedia da Salotto con Braccioli rosso Colore della base: natura

Prezzo: in offerta su Amazon a: 89,9€
(Risparmi 20€)


Quercia rossa: Alcune regole da tenere a mente per la coltivazione

Foglie quercia Le specie di Querce esistenti nel mondo sono circa trecento e si caratterizzano per essere alberi maestosi, che possono raggiungere senza problemi i cinque secoli d'età. Per ottenere esemplari di Quercia rossa di notevole bellezza e perfetta salute bisogna proteggerli dalle malattie e dai parassiti. Inoltre è bene effettuare trattamenti in modo da evitare la comparsa della cosiddetta sindrome da deperimento. Si tratta di una patologia specifica di questa specie, che provoca l'avvizzimento della pianta, mentre il tronco si riempie di mucillagine. La Quercia rossa si sviluppa soprattutto in contesti freschi e ventilati, mentre nei climi aridi e caldi gli esemplari soffrono. I risultati migliori si ottengono con un'esposizione diretta al sole e con un terreno roccioso e ben drenato. Gli esemplari possono sopportare anche inverni rigidi e temperature di -25°C.



COMMENTI SULL' ARTICOLO