Coltivazione melanzana

Apporto idrico ottimale nella coltivazione melanzana

La coltivazione melanzana necessita di annaffiature abbondanti anche se si sono notati effetti negativi sia quando l'umidità dell'aria è molto alta che quando risulta molto bassa e l'intervallo ideale è tra il 50% ed il 60%. Durante la stagione estiva, si stima che ogni giorno le piante di melanzane necessitino di una quantità di circa 6 litri di acqua per metro quadrato di terreno, ma l'umidità in eccesso è la causa principale di molte malattie fungine e la mancanza di un adeguato sviluppo dei frutti. Effetti simili si verificano anche con umidità relativa bassa e gli ambienti all'aperto, soleggiati e ventilati, si sono dimostrati luoghi ideali. Le melanzane si prestano anche alla coltivazione in vasi o contenitori purché abbiano un buon drenaggio in modo che l'acqua non si accumuli nelle radici.
Pianta di melanzana in vaso

Keter 17192097 Orto per erbe in plastica simil legno, colore: Marrone

Prezzo: in offerta su Amazon a: 64,26€


Semina, trapianto e cure nella coltivazione della melanzana

Piantine di melanzana in vasetto La pianta di melanzana predilige il caldo ed il sole e per la crescita, essendo il suo apparato radicale molto potente, ha bisogno di spazio per sviluppare le sue radici orizzontali. La semina avviene al coperto in semenzaio e dopo la germinazione, appena si è sviluppata la quarta foglia, le piantine vengono trasferite in vasetti e mantenute al coperto per rafforzarle. Durante il mese di maggio si provvede al trapianto in pieno campo, mantenendo un intervallo tra le piante e tra le file di 60 cm. La coltivazione melanzana ha un ciclo abbastanza lungo ed il raccolto, che inizia 70-90 giorni dopo il trapianto, predilige frutti immaturi prima che si formino i semi e si perdano alcune proprietà nutritive. La raccolta prosegue fino a quando le sostanze nutrienti sono esaurite e arriva il freddo.

  • Piantine zucchine Ci sono vari posti dove poter Piantare zucchine, si possono interrare sia in orto che in vasi sistemati fuori terrazzi e balconi. Lo zucchino o zucchina, (può essere chiamato sia maschile che femminil...
  • Bulbi cimati La coltivazione aglio è molto semplice da effettuare. Prima di procedere alla semina è necessario preparare il terreno, arieggiandolo con del compost o dello stallatico stagionato. Sia che l'aglio si ...
  • Insalate biologiche Per avere un orto biologico che produca buone quantità di verdure e ortaggi prelibati, è necessario scegliere il terreno giusto. Prima di tutto bisognerà progettare l'orto cercando di capire quale sia...
  • Ortaggi in serra fai da te La serra per ortaggi è da sempre utilizzata perché agevola la coltivazione di quelle piante che hanno necessità di particolari condizioni climatiche come temperatura e umidità costanti e molto elevate...

Giapponese Menta (Mentha Arvensis) olio essenziale, puro al 100%, non diluito (10ml)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€
(Risparmi 2€)


Preparazione e concimazione del terreno nella coltivazione melanzana

Preparazione di buche con letame Come tutte le "Solanacee" la pianta di melanzana è vorace e con un grande fabbisogno di acqua e di sostanze nutritive. Durante l'inverno è opportuno preparare le buche che ospiteranno le piante con una buona dose di letame ben decomposto e maturo. Poiché la stagione del raccolto è piuttosto lunga, appena si sviluppano i primi frutti occorre integrare nel terreno del fertilizzante organico completo. I terreni più adatti alla coltivazione melanzana sono fertili e profondi, provvisti di un buon drenaggio mentre i terreni argillosi facilitano l'accumulo di acqua nelle radici e sono responsabili di putrefazione con conseguente sviluppo di numerose malattie. Il PH ideale è tra 6 e 7. Le piante di melanzana coltivate in vaso prediligono un terreno leggero, composto da una miscela di sabbia e torba.


Coltivazione melanzana: Le malattie più comuni ed i rimedi

Coleottero dorifora Le piante di melanzane hanno origini tropicali e subtropicali, pertanto oltre che di un buon rifornimento di acqua necessitano di un'esposizione soleggiata di almeno 10-12 ore. La lotta alle malattie che possono interessare la pianta di melanzana inizia con la prevenzione, con la preparazione di un terreno ricco e nutriente e con l'uso delle consociazioni. Le consociazioni più favorevoli sono sedano, cipolla, spinaci, fagioli, lattuga, ravanelli e carote mentre la melanzana soffre ed è incompatibile con il cetriolo. Le malattie più comuni sono la dorifora e la mosca bianca, la dorifora è un bruco che mangia le foglie e gli adulti vanno raccolti manualmente. L'aleurodide o mosca bianca si annida nelle foglie ingiallendole, si combatte spruzzandole con una soluzione preparata sciogliendo l'1% di sapone di potassio in acqua distillata.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO