Tulipani

Quando e quanto irrigare le specie e le varietà di Tulipani

Le piante perenni comunemente dette Tulipani appartengono al genere denominato Tulipa e non richiedono eccessive cure, per quanto riguarda l'irrigazione. Infatti, questi vegetali sono abbastanza rustici e possono adattarsi senza troppe difficoltà a diversi contesti ambientali. In generale, le annaffiature diventano necessarie a partire dal mese di marzo, periodo che coincide con l'emissione fogliare. Le quantità di acqua dispensate non devono essere troppo abbondanti ed è indicato attendere che il terreno sia asciutto prima di innaffiare nuovamente, soprattutto nelle regioni dove il clima è continentale. Nelle zone meridionali e costiere, invece, l'apporto idrico deve essere maggiore e più frequente. Al termine della fioritura le somministrazioni d'acqua divengono meno costanti e vengono sospese del tutto quando le foglie sono completamente appassite.
Piante e fiori di Tulipani

Veryhome Fiore Artificiale Fiore Finto Tulipano Materiale in Lattice Vero Tocco Matrimonio Stanza Famiglia Alberghi Festa DIY al operto Decorazione Bianco -10 Pezzi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,39€


Come prendersi cura delle piante di Tulipani

Fiori gialli di Tulipani I Tulipani sono fiori molto apprezzati per il loro aspetto ornamentale e per le tante varietà di colore disponibili. Non richiedono particolari esigenze colturali, sono considerate piante rustiche e possono adattarsi a diverse tipologie di terreno senza troppe difficoltà. Nelle regioni settentrionali e montane, il periodo migliore per mettere a dimora i bulbi è tra fine agosto e ottobre. Invece, per quanto riguarda le zone meridionali è consigliabile piantare le specie e le varietà di Tulipani da ottobre a dicembre. Questa tipologia di vegetali teme i terreni argillosi e il substrato più indicato è fresco e ben areato. I bulbi devono essere posti a una profondità di circa 10 cm, in caso contrario si rischia di fare germinare troppo presto le piante, compromettendo la produzione floreale tipicamente primaverile.

  • Alcuni fiori fioriere I fiori per fioriere sono piante dalle corolle più o meno grandi e colorate che possono essere coltivate in contenitori da porre in casa oppure sul balcone o sul terrazzo. In questo modo si valorizzan...
  • Fiore garofano I Garofani sono piante da fiore perenni oppure annuali appartenenti al genere denominato Dianthus. Le diverse specie e varietà perenni fioriscono nei mesi autunnali, mentre quelle annuali iniziano la ...
  • Ortensia Le ortensie sono delle piante piuttosto rustiche che riescono a sopravvivere in particolari tipi di condizioni climatiche. Queste piante vivono bene sia al sole che all'ombra, purché questa sia parzia...
  • Alcuni fiori di margherite Le margherite appartengono al genere dei Crisantemi, piante perenni che spesso vengono coltivate come annuali. Infatti, oltre al Chrysanthemum indicum ibridi (i classici Crisantemi), la specie più com...

Kisshes Giardino - Semi di frutti giganti di fragole giganti Semi di frutti di bosco di fragole dolci di frutta Semi rampicanti per giardino e balcone ecc.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 0,99€


Come e quanto concimare le piante di Tulipani

Infiorescenze rosa di Tulipani Concimare i Tulipani è molto importante se si vogliono riutilizzare i bulbi l'anno successivo. Infatti, a partire dalle prime emissioni fogliari è utile somministrare un concime liquido specifico per piante da fiore, per supportare la crescita e la produzione floreale. É indicato dispensare la soluzione mediamente una volta ogni dieci giorni, mentre durante il periodo della fioritura è necessario ripetere l'operazione una volta a settimana. É consigliabile scegliere un prodotto ricco di potassio e fosforo, elementi nutritivi fondamentali per ottenere esemplari rigogliosi. Le concimazioni, diluite nell'acqua delle irrigazioni, vengono sospese al termine della fioritura. In alternativa, è possibile optare per un concime granulare a lenta cessione da amalgamare al terreno oppure si può utilizzare uno stallatico maturo da cospargere intorno al colletto delle piante di Tulipani.


Esposizione, malattie e possibili rimedi

Fiori di Tulipani screziati Un'esposizione ben soleggiata è l'ideale per le piante di Tulipani, che prediligono le zone luminose e riparate dalle forti correnti. Tuttavia, se il contesto ambientale è caratterizzato da un clima molto temperato è consigliabile sistemare i bulbi in luoghi a mezz'ombra, al riparo dal sole più caldo della giornata. In generale, sono piante resistenti alle malattie se vengono coltivate in condizioni ottimali. Infatti, i Tulipani a cui non viene assicurato un corretto drenaggio delle irrigazioni possono essere soggetti a marciumi radicali e relative patologie fungine. Come ad esempio la Botrytis tulipae che non è curabile e porta al deperimento totale della pianta. Inoltre, i cosiddetti acari del bulbo attaccano il delicato apparato radicale, causando l'appassimento del fogliame. In questo caso è indispensabile intervenire tempestivamente, utilizzando degli appositi insetticidi.


Utilizzi e tipologie delle piante bulbose di Tulipani

Ornare i giardini e gli spazi aperti con le piante perenni di Tulipani garantisce una primavera sempre ricca di colori. Infatti, sono piante ideali per creare allegre aiuole e possono essere utilizzate anche per realizzare piccole bordure. Inoltre, questi vegetali crescono facilmente in vaso e sono indicati per decorare balconi e terrazzi. L'importante è che non siano esposti ai venti di nord, che ledono le foglie e gli steli floreali. Per scegliere le varietà più indicate alle proprie esigenze, è opportuno sapere che ne esistono diverse tipologie. I cosiddetti Tulipani precoci e i Tulipani botanici si caratterizzano per la fioritura precoce, che inizia generalmente nel mese di marzo. I Tulipani Trionfo e i Tulipani Darwin sono le specie che fioriscono in aprile, mentre i Tulipani tardivi sviluppano i fiori a maggio.


Curiosità, specie e varietà

Tulipani water lily Sono più di 120 le specie e le varietà di Tulipani disponibili in commercio. Si tratta di piante da fiore coltivate da oltre un millennio, originarie dell'Asia Minore. In Europa arrivano nel XVI secolo, diventando l'emblema dei Paesi Bassi. I fiori possono essere semplici, doppi, screziati oppure bicolore. Tra le cultivar, più originali per forme e tonalità cromatiche, ci sono i cosiddetti Tulipani pappagalli che hanno i tepali frangiati e striati. La specie denominata Tulipa acuminata produce particolari fiori lunghi e dai petali attorcigliati, mentre i Tulipani Darwin rappresentano in assoluto gli ibridi più utilizzati per la coltivazione in vaso e in piena terra. Infine, il Tulipano Water Lily è un curioso incrocio che produce infiorescenze esteticamente molto belle ed eleganti, simili ai fiori di ninfea.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO