Helleborus

Annaffiamento e irrorazione dell'Helleborus

Questa pianta perenne proviene specificamente dal continente europeo e asiatico e trova classificazione nell'ampio ed eterogeneo raggruppamento familiare delle Ranunculaceae. Viene denominata anche Rosa di Natale poiché la fioritura, di considerevole persistenza, avviene solitamente nel cuore del periodo invernale. Risulta pertanto sovente impiegata per colorare delicatamente il giardino, con tinte immacolate, rosacee e violette, nondimeno può essere coltivata in vaso, purché di notevole profondità. L'Helleborus dovrà essere periodicamente e moderatamente bagnato durante la fase vegetativa, a frequenza in media settimanale, con limitazione degli annaffiamenti nella restante parte dell'annualità. Sarà sempre consigliabile irrorare solamente quando il terreno si mostri completamente asciugato.
Helleborus

Plant World Seeds - Helleborus 'Black Beauty' Seeds

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,98€


Cura e coltura dell'Helleborus

Helleborus vaso Di crescita progressiva e non repentina, l'Helleborus potrà normalmente toccare dimensioni massime di 60 cm all'incirca. Pur non propriamente esigente in fatto di terreno, prediligerà una terra acida, poco compatta e perfettamente drenata, a cui andranno opportunamente aggiunte sufficienti quantità di materiali ghiaiosi e torbosi. Se sistemato in vaso, nel periodo primaverile dovrà essere regolarmente sottoposto ad opera di rinvaso, almeno ogni biennio, al fine di assecondare la crescita del sistema radicale. Le sue radici, difatti, tendono a svilupparsi specialmente in profondità e la carenza di spazio può comportare un rapido appassimento della pianta. Operazioni di potatura, invece, non si renderanno necessarie, risultando bastevole l'attenta rimozione di tutte le parti logorate o avvizzite.

  • Orchidee Vanda Le Orchidee Vanda sono piante da fiore originarie del continente asiatico e in particolare dell'India, della Cina, della Malesia e dell'Indonesia; alcune varietà sono coltivate anche in Australia. A q...
  • Varietà di calancola La calancola è una piccola pianta succulenta che solitamente non oltrepassa i 35 cm di altezza. Le foglie carnose triangolari formano una fitta rosetta eretta e sono caratterizzate da un margine ondul...
  • Varietà di clematide rampicante La clematide rampicante appartiene alla famiglia delle Ranuncolaceae. Presenta fusti sottili semi legnosi e può avere foglie caduche oppure sempreverdi. I viticci prodotti si attaccano tenacemente all...
  • Calle colorate La coltivazione della calla può essere effettuata a terra o in vaso. La messa a dimora in giardino deve avvenire fra settembre e dicembre. Prima si interrano i bulbi in piena terra in una zona di mezz...

Plant World Seeds - Helleborus Orientalis 'Best Colours' Seeds

Prezzo: in offerta su Amazon a: 2,66€


Modalità e tempi di fertilizzazione dell'Helleborus

Piante giardino La variopinta pianta ornativa non presenta esigenze di rilievo in ordine all'assunzione dei dovuti e indispensabili nutrienti. La concimazione, in ogni caso, andrà concentrata nella stagione autunnale e invernale, con frequenza bimestrale, e sospesa del tutto nella fase di riposo vegetativo. Si utilizzerà di preferenza fertilizzante organico a natura solida, granulare dal rilascio graduale e programmato, ma potrà essere somministrato anche quello liquido, diluito nell'acqua di abituale annaffiamento, con cadenze ovviamente più ravvicinate. Il fertilizzante da adottare dovrà essere specifico per Helleborus o, comunque, indicato per piante fiorite, e contenere la lieve predominanza delle componenti potassiche e fosfatiche rispetto alla residua macrocomponente azotata, oltre al corredo degli importanti micronutrienti, come ad esempio il magnesio.


Ravvisabili patologie e affezioni

Rosa natale Questa erbacea perenne andrà collocata in un habitat luminoso e parzialmente ombroso, con misurata e non eccessiva esposizione agli irraggiamenti del sole, specie nei periodi caldi. Rustica e resistente, non patirà le avverse condizioni termiche e i geli e i rigori invernali sino a molti gradi sottozero. L'Helleborus, infine, potrà essere sporadicamente colpito da qualche insetto o parassita, in primis gli afidi, da combattere attraverso l'impiego di idoneo insetticida, oppure interessato da perniciose affezioni fungine, quale la ticchiolatura. Trattasi di una patologia che cagiona l'ingiallimento e poi lo scurimento a macchie del fogliame, che in breve avvizzisce e si dissecca. Il contrasto avviene riducendo opportunamente l'umidità ambientale ed usando un apposito anticrittogamico a composizione cuprica.




COMMENTI SULL' ARTICOLO