Il ciclamino

Quanto annaffiare il ciclamino

In casa, in terrazzo o in giardino, il ciclamino deve essere annaffiato con attenzione e al momento giusto. Per capire quando annaffiare, basta osservare la pianta e il terreno. In condizioni normali e climaticamente favorevoli, 200 ml di acqua ogni 4 giorni sono sufficienti a idratare il ciclamino, ma in estate o comunque con temperature più alte, potrebbe essere necessario annaffiare più frequentemente. Quando il terreno è secco o, nei casi peggiori, i fiori rivolgono i petali verso il basso, è il caso di aumentare dosi e tempi di somministrazione dell'acqua. Il terreno deve essere infatti sempre un po' umido, per consentire alle radici di assorbire l'acqua di cui hanno bisogno. Il suggerimento per non sbagliare è quello di versare l'acqua direttamente nel sottovaso, per consentire alla pianta di assecondare i suoi ritmi. Amante dell'ombra e dell'umidità, la pianta non dovrebbe mai essere esposta a temperature superiori ai 15°C.
Ciclamini nei vasi del giardino

Caleffi - Asciugamano da Bagno di Spugna per Il Viso, 100% Cotone Idrofilo, 60x110 cm, Colore Ciclamino, Modello Sirena

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,36€


Come prendersi cura della pianta

Ciclamini in vaso all'ombra Il ciclamino vive tutto l'anno e fiorisce in primavera, per molto tempo, fino all'estate. Questo è il periodo più delicato per la pianta, che deposita i semi a terra, ma necessità di maggiore ombra, temperature più basse e annaffiature più frequenti. Il modo più semplice di coltivare il ciclamino è quello di impiantare una sezione di bulbo prelevandola da una pianta adulta. In estate occorre far asciugare il bulbo, prima di deporlo a terra a fine agosto, mentre la pianta adulta non va bagnata troppo perché potrebbero svilupparsi facilmente delle muffe. Il bulbo prelevato va inserito nel terreno concimato e poi bisognerà annaffiare costantemente la terra, anche prima che nascano le prime foglie, posizionando la pianta nel punto più fresco e ombreggiato del giardino. Anche in vaso, sebbene la coltivazione risulti più difficile, la pianta deve essere posizionata in un angolo della casa particolarmente fresco.

  • Orchidee Vanda Le Orchidee Vanda sono piante da fiore originarie del continente asiatico e in particolare dell'India, della Cina, della Malesia e dell'Indonesia; alcune varietà sono coltivate anche in Australia. A q...
  • Varietà di calancola La calancola è una piccola pianta succulenta che solitamente non oltrepassa i 35 cm di altezza. Le foglie carnose triangolari formano una fitta rosetta eretta e sono caratterizzate da un margine ondul...
  • Varietà di clematide rampicante La clematide rampicante appartiene alla famiglia delle Ranuncolaceae. Presenta fusti sottili semi legnosi e può avere foglie caduche oppure sempreverdi. I viticci prodotti si attaccano tenacemente all...
  • Calle colorate La coltivazione della calla può essere effettuata a terra o in vaso. La messa a dimora in giardino deve avvenire fra settembre e dicembre. Prima si interrano i bulbi in piena terra in una zona di mezz...

100pcs 12kinds semi di ciclamino, semi in vaso, semi di fiore, varietà completa, il tasso di erba 95%, l'assorbimento di radiazione (colori misti)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,13€


Come concimare la terra

Il terreno, molto importante per il bulbo Per assicurare una buona crescita e una rigogliosa fioritura alla pianta del ciclamino, è importante prendersi cura del terreno concimandolo spesso, durante tutto il ciclo vitale della pianta. Generalmente il concime liquido per piante con il bulbo, opportunamente miscelato all'acqua di innaffiatura, va distribuito sul terreno circa due volte al mese, lasciando passare tra una concimazione e l'altra non più di 3 settimane. L'elemento indispensabile per una sana crescita della pianta è l'azoto. Particolare cura merita il periodo della fioritura, che per il ciclamino inizia nei mesi invernali e termina in primavera: questo è il momento per un intervento mirato a base di concimi ricchi di potassio che consentono il pieno sviluppo dei fiori. Nella preparazione del terreno, utilizzare terriccio con aggiunta di sabbia per creare la più favorevole base al bulbo del ciclamino, anche in vaso. I vasi più adatti sono quelli in terracotta, che mantengono meglio le qualità del terreno e facilitano l'assorbimento dell'acqua.


Ciclamino: problemi e soluzioni

Ciclamini in ottima salute La cura della pianta darà ottimi risultati, se si pone particolare attenzione alle fasi della coltivazione. Il ciclamino non risente di particolari malattie né è facilmente oggetto di attacchi fungini o parassitari, ma alcuni funghi possono farne marcire il bulbo, provocare la muffa e infine far morire la pianta. Per evitare questo rischio, bisogna annaffiare correttamente il ciclamino, perché il pericolo viene proprio dal ristagno dell'acqua. Se il problema non si risolve con l'irrigazione, è comunque possibile utilizzare appositi fungicidi. I parassiti che attaccano il ciclamino sono in genere acari e cocciniglia, contro i quali funzionano gli antiparassitari. Un altro accorgimento necessario per preservare la salute della pianta è quello staccare le foglie secche che potrebbero marcire facilmente danneggiando tutta la pianta o facilitando il proliferare dei parassiti.


Origini e curiosità

Il ciclamino è una pianta mediterranea che si trova in Italia, nei Paesi dell'Europa del Sud, in Nord Africa e nell'Asia Minore. Pianta perenne, può avere specie dai colori diversi come bianco, viola, rosso, rosa. Anche il profumo varia da specie a specie, anche se alcune ne sono prive. L'uomo ha scelto con cura le piante da coltivare, traendone apprezzatissime piante che vivacizzano gli ambienti domestici e il giardino, ma le specie selvatiche sono più numerose e ricche di colori intensi e di sfumature diverse. Queste specie, che in Italia crescono soprattutto nei boschi del Sud, sono protette e velenose per l'uomo. La ciclicità cui le origini del nome alludono è quella del fiore, il cui peduncolo si china verso il basso dopo la fioritura, per depositare nuove semi a terra riattivando il ciclo generativo.


Il ciclamino: La magia del fiore

Petali ciclamino Forse per la sua capacità rigenerativa, per la sua forza o per la sua delicata bellezza, il ciclamino è da sempre stato associato alla magia buona: un vero e proprio portafortuna in amore o una protezione contro i malefici, il ciclamino ha sempre avuto una valenza positiva prima di divenire ai giorni nostri un bellissimo fiore per vivacizzare i colori della casa anche in inverno. A metà strada tra credenza mistica e rimedio omeopatico, nonostante le proprietà tossiche del bulbo, nel '600 si utilizzava il ciclamino come cura contro le epidemie. Oggi, se per curiosità si desidera conoscere la simbologia delle piante, bisogna sapere che il ciclamino rappresenta un invito (per chi lo riceve) ad avere più coraggio o a correggere le proprie azioni. Questo fiore, forte e delicato allo stesso tempo, è quindi ancora ricco di bellezza e di magia, e rimane uno dei preferiti dagli italiani per decorare interni ed esterni delle proprie abitazioni.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO