Propagazione delle piante

Di cosa si tratta

Le piante si moltiplicano per diversi motivi. Innanzitutto c'è la necessità di avere piante giovani quando la pianta madre è alla conclusione del suo ciclo vitale; segue il desiderio di avere più esemplari di una certa varietà. La propagazione delle piante si fa per tutti i vegetali, siano essi piante verdi, ortaggi, frutta, piante da fiore o ornamentali. In natura la pianta provvede da sola alla continuazione della specie, producendo semi o dividendosi in cespi. Nell'arte del giardinaggio questa funzione viene incrementata a favore delle necessità umane. La propagazione può essere divisa in due grandi categorie: quella da seme e quella che si ottiene utilizzando altre parti del vegetale. Si può trattare di rami legnosi o semi legnosi, foglie, cespi o radici. La scelta dell'una o dell'altra tecnica è suggerita dalle caratteristiche della pianta e dalla facilità con la quale alcune parti di essa possono attecchire. Molte piante producono semi, ma propagarle per talea risulta più semplice, veloce e meno impegnativo. Per altre è vero il contrario.
Semi semenzaio

La propagazione delle piante

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,7€
(Risparmi 3,3€)


Propagazione delle piante: Come avviene

Talea piante La propagazione per seme può avvenire in un semenzaio, ovvero in un luogo protetto e tenuto alla giusta temperatura, oppure in piena terra, nella stagione più opportuna. Le piantine che spuntano nel semenzaio andranno poi trasferite in giardino, nell'orto o in vaso, non appena avranno un numero sufficiente di foglie, in genere quattro. Le talee invece si effettuano tagliando in modo netto un ramo, che può essere legnoso, quindi più vecchio, oppure semi legnoso, dalla pianta madre. Questo va posto in un substrato apposito, ben drenato, e tenuto al giusto grado di umidità e di temperatura. Per far questo in genere si ricorre ad una copertura con una plastica trasparente, da togliere per alcuni minuti al giorno. A seconda della specie, occorreranno diversi giorni o settimane perché il ramo emetta radici, riprenda la crescita e possa quindi essere considerato nuova pianta. In genere si fanno talee di più rami, poiché l'attecchimento è sempre in percentuale: non tutte le talee vanno avanti. La divisione per cespi o per bulbi è semplice e in genere non presenta difficoltà. Basta separare con attenzione la pianta madre e sistemare le due parti in vasi distinti.

  • Come seminare Il più antico metodo per moltiplicare le piante è la semina, una tecnica che l'uomo ha saputo sfruttare per la realizzazione di campi, orti e giardini utili per il proprio sostentamento. Il seme è il ...
  • Prelevare una talea Nel passato, la necessità di propagare un tipo di pianta per garantire la salvezza di certe caratteristiche che attraverso la riproduzione gamica (nel caso specifico l'impollinazione) non potrebbero r...
  • Talea piante grasse L'utilizzo di una talea, opportunamente seguita, ci ricompenserà con una nuova pianta. Successo che sarà conseguito quando la totalità delle parti,inizialmente mancanti, verrà rigenerata, consegnandoc...

Tecniche di propagazione di piante e arbusti. Ediz. illustrata

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8€
(Risparmi 8€)


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO