Oidio

L'oidio

L'oidio è una malattia delle piante causata da un fungo parassita, che si annida sul fogliame di molte piante ornamentali e sulle coltivazioni. Il fungo predilige gli organi che mostrano un elevato accrescimento, quindi con superficie tenera e liscia, come ad esempio le giovani foglie, i germogli primaverili o anche i frutticini. La presenza del fungo porta, con il passare del tempo, ad un elevato deperimento dell'organo attaccato, che può anche disseccare e morire. Negli stadi intermedi sulle foglie si possono creare anche delle fessurazioni di forma tondeggiante e il fungo può assumere una consistenza via via maggiore. Inizialmente ricorda una leggera spolverata di farina su foglie e frutti; nel corso dei giorni tende ad ispessirsi, sino a ricordare del feltro per cappelli, di colore grigiastro, compatto al tatto. In genere le piante non muoiono a causa dell'oidio, ma se il fungo non viene debellato può portare a danni ingenti, soprattutto se colpisce piante da reddito, come ad esempio la vite.
Oidio su foglie

Rose Clear Ultra Gun Contact And Systemic Insecticide And Fungicide

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,59€


Quali piante sono colpite più spesso

Oidio su zucchina Anche se l'oidio tende a colpire qualsiasi pianta con foglie ampie, in genere questo fungo predilige alcune specie particolari. Si tratta infatti di un parassita contro cui devono lottare tutti gli appassionati di giardinaggio e di orticoltura che amano coltivare le viti, le zucchine e soprattutto le rose. Questo fungo, una volta installato su una pianta del giardino, tende poi a diffondersi abbastanza rapidamente, cosa che porta a poterlo notare praticamente su qualsiasi pianta a foglia larga, soprattutto in primavera. Del resto il clima primaverile è perfetto per lo sviluppo dell'oidio. Il clima è infatti sufficientemente caldo, mantenendo però delle piogge periodiche e nottate abbastanza fresche. Diverse malattie fungine si manifestano proprio con queste condizioni climatiche, per questo motivo sono molti i coltivatori che predispongono dei trattamenti antifungini preventivi, per evitare che i funghi si installino sul fogliame.

  • Ticchiolatura pianta rosa La ticchiolatura, nota anche come macchia nera, è una malattia crittogamica di origine fungina che colpisce piante ornamentali e alberi da frutto, in particolate la rosa, il salice, il pioppo, il melo...
  • Oidio piante L'oidio, provocato da funghi Ascomycota, è una delle malattie fungine più frequenti e fastidiose. Si manifesta con una muffa biancastra che ricopre il fogliame e i germogli, motivo per cui è chiamato ...
  • Albero castagno Se il vostro sogno è quello di gustare dei porcini provenienti direttamente dal vostro orto senza impiegare tempo per la loro ricerca, l'unica strada da intraprendere è quella della micorizzazione, ov...
  • Larve di mosca della cipolla La mosca della cipolla, il cui nome scientifico è Delia Antiqua, è un parassita le cui larve si nutrono dei bulbi di cipolle, ma anche di altri bulbi. La loro azione distrugge gli strati prima estern...

Compo 1441402005 Duaxo Fungicida per Piante, 100 ml, Trasparente, 4.5x7.5x12 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,97€


Come combattere l'oidio

Oidio in fase avanzata L'oidio è una malattia fungina molto diffusa da sempre, per questo motivo sono disponibili diversi rimedi contro di esso. In linea generale chi coltiva da tempo un giardino, un orto, un vigneto o un campo conosce bene l'oidio e preferisce effettuare trattamenti preventivi. Per evitare che il fogliame rimanga umido, cosa che lo rende un terreno di coltura favorevole alla presenza dell'oidio, sono particolarmente indicati trattamenti a base di zolfo in polvere bagnabile o liquido. Questo tipo di trattamento ha però delle controindicazioni; prima di tutto lo zolfo non uccide l'oidio, ma evita soltanto che si instauri nei tessuti verdi. Inoltre questa sostanza può risultare fitotossica per alcune piante, soprattutto quando le temperature massime salgono. Se l'oidio ha già colpito è necessario utilizzare prodotti specifici contro questa specie di fungo, di tipo sistemico o che funzionano per contatto con il parassita.


Cure colturali per evitare l'oidio

Rosa con oidio L'oidio è un fungo, che ama installarsi sul fogliame fresco e delicato, come quello dei giovani germogli. Perché si possa sviluppare al meglio è necessario che il clima sia umido e che il fogliame sia ricoperto da un sottile strato di acqua. Le motivazioni per cui colpisce soprattutto alcune piante è infatti correlata al tipo di annaffiature che si praticano. In particolare con un clima adatto allo sviluppo dell'oidio è importante evitare le annaffiature serali: l'acqua può rimanere in ampie gocce sulle foglie per molte ore, spalancando la porta all'arrivo dell'oidio. Oltre a questo nei mesi primaverili e autunnali, quando il clima notturno è decisamente ancora fresco, conviene evitare di irrorare il fogliame delle piante che si devono annaffiare. I trattamenti preventivi a base di zolfo sono poi consigliabili, soprattutto in periodi piovosi in cui si alternano giornate di pioggia con giornate soleggiate. Lo zolfo ha il vantaggio di non essere tossico per i mammiferi e di rimanere sui frutti trattati, senza penetrare al di sotto della buccia: basta un rapido lavaggio per eliminarlo completamente.


Prodotti bio contro l'oidio

In commercio sono disponibili anche prodotti contro l'oidio il cui utilizzo è consentito in agricoltura biologica, grazie alla loro bassa tossicità per l'uomo. Lo zolfo come trattamento preventivo è ammesso in agricoltura biologica, ma solo con condizioni climatiche predisponenti allo sviluppo della malattia. Si possono poi utilizzare soluzioni a base di piretro, che sembrano avere una buona efficacia contro diverse malattie fungine e anche contro vari insetti che colpiscono le piante. Molto efficace si sta dimostrando anche il bicarbonato di sodio, la cui efficacia però dipende dalla tempestività con cui si applicano i primi trattamenti. Negli ultimi anni molti agricoltori stanno testando il bicarbonato di potassio, che si è evidenziato essere molto più efficace rispetto al bicarbonato di sodio. In commercio si trovano anche fungicidi biologici a base di olio di pino. Oltre a funzionare contro alcuni funghi permettono anche di controllare la presenza di cocciniglia.


Oidio: I danni sulle piante

Odio foglie L'oidio è un fungo che ha uno sviluppo abbastanza rapido. Dapprima si notano solo le spore del fungo, che appaiono come farina sottile, o cipria bianca. In seguito le ife del fungo si sviluppano sempre più, dando vita ad una spessa coltre feltrosa. Ricoperti dal fungo gli organi della pianta non riescono ad avere scambi gassosi con l'ambiente e neppure a svolgere la fotosintesi clorofilliana. L'organo colpito deperisce e necrotizza, cosa che può causare l'arrivo della botrite, detta anche muffa grigia, soprattutto per quanto riguarda la presenza dell'oidio sui frutti delle piante. In genere i danni causati all'intera pianta dipendono dal numero di foglie e frutti colpiti dal fungo. Anche nel caso di un'infestazione minima comunque si ha una certa sofferenza della pianta, soprattutto se l'oidio arriva in primavera, periodo in cui la gran parte delle piante sono in pieno rigoglio vegetativo. Anche se difficilmente una pianta muore a causa dell'oidio, questo fungo può causare gravi perdite di raccolto, sia di fiori sia di frutti.



COMMENTI SULL' ARTICOLO