Peronospora

Cos'è la Peronospora

La Peronospora è una malattia di origine fungina in grado di colpire un elevato numero di piante. Ne cadono vittima, infatti, la lattuga, le cicorie, i carciofi, la bietola, il tabacco, la vite, il melone, il cetriolo, l'anguria, la zucca, la zucchina, la vite, la patata, il pomodoro, la melanzana, le cipolle, l'aglio. E la lista, potrebbe ancora crescere. Anche le rose, ad esempio, non sono immuni così come buona parte delle piante ornamentali. L'organo della pianta colpito dalla Peronospora è la foglia su cui si manifestano delle macchie che sembrano quasi oleose superiormente. La muffa, invece, compare sulle facce inferiori delle foglie. Man mano anche i fiori degli esemplari coinvolti vengono colpiti dalla muffa. Le conseguenze per i tessuti colpiti sono il disseccamento e la conseguente caduta. Le piante difficilmente muoiono, ma deperiscono moltissimo ed irrimediabilmente.
Foglia colpita dalla Peronospora

Fungicida ALIETTE Aliette KB GR 150 fosetil alluminio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,99€


I sintomi della Peronospora sulla vite

Dettaglio Peronospora La Peronospora è una malattia che porta danni e conseguenze gravissime per le piante colpite, specialmente nel caso della vite. Sono moltissime le regioni che, sia in Italia che all'estero, hanno attivato appositi organismi che servono a monitorare con molta attenzione l'eventuale sviluppo dell'infezione. Per quanto concerne i sintomi della Peronospora sulla vite, sulla parte superiore delle foglie iniziano a comparire delle macchie rotonde. Più la malattia si insinua nella pianta, più queste macchie assumono un aspetto che le fa somigliare tantissimo a quelle dell'olio. Nello stadio conclamato della malattia appare la muffa nella zona inferiore delle foglie e le zone già colpite diventano necrotiche. Una pianta di vite colpita dalla Peronospora non porta correttamente a termine lo sviluppo dei grappoli. Infatti, se questi sono piccoli vanno incontro a necrotizzazione. Se grandi ammuffiscono.

  • Foglia pomodoro malata La septoriosi è una malattia parassitaria delle piante dovuta all'infestazione di un fungo della famiglia septoria. La septoriosi colpisce diversi ortaggi e verdure fra cui il pomodoro, il sedano, il ...
  • Pomodori alternaria L'alternariosi è una malattia delle piante dovuta all'infestazione di un fungo parassita del genere alternaria. Questo tipo di fungo colpisce diversi tipi di piante fra cui ortaggi come pomodori, pata...
  • Insetto altica L'insetto altica è un flagello delle coltivazioni quando infesta campi e giardini perché si nutre di germogli e foglie, debilitando le piante a volte in modo irreversibile. La sua presenza è caratteri...
  • Oidio piante L'oidio, provocato da funghi Ascomycota, è una delle malattie fungine più frequenti e fastidiose. Si manifesta con una muffa biancastra che ricopre il fogliame e i germogli, motivo per cui è chiamato ...

Bayer Fungicida sistemico R6 bordeaux 500 gr

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,5€


I sintomi della Peronospora sulle patate e sui pomodori

Sintomi della Peronospora su pomodori Patate e pomodori, tra le piante più coltivate in Italia, risultano essere una preda prediletta dalla Peronospora. In questo caso, le foglie appaiono inizialmente caratterizzate da macchie scolorite che, in tempi successivi, tendono a diventare di colore bruno e ad essere caratterizzate da contorni irregolari. La parte inferiore delle foglie, invece, viene colpita dalla caratteristica muffa di colore bianco. Sia sulle piante di patate che su quelle di pomodori, la Peronospora può andare ad interessare anche le parti ipogee, ovvero quelle che vivono sottoterra. Anche l'impianto radicale, quindi, non è mai completamente al sicuro dalle infezioni. La conseguenza più evidente, in questo caso, consiste nella comparsa di marciumi. Il medesimo destino di pomodori e patate (e quindi anche gli stessi sintomi) caratterizzano le piante di melanzane colpite da questo agente patogeno.


I sintomi della Peronospora sulle Agliaceae, sulle Cucurbitaceae e sulle rose

Rose colpite da Peronospora Le piante appartenenti alle famiglie delle Agliaceae e delle Cucurbitaceae risultano essere anch'esse possibili vittime degli attacchi da parte della Peronospora che vi si manifesta con diverse sintomatologie. Nelle Agliaceae, la foglia inizia ad apparire particolarmente depressa e sulla sua superficie compaiono delle chiazze particolari di un colorito compreso tra il giallo e il verde. Successivamente si assiste alla comparsa della muffa che, per queste piante, è tendenzialmente violacea. Le foglie disseccano e la produttività si perde. Nelle Curcubitaceae, la foglia appare superiormente decolorata in maniera irregolare. Inferiormente compare la muffa di colore grigio violaceo. A questo punto, sia la foglia che il fusto disseccano molto velocemente. Per quanto concerne le rose, tra i fiori più colpiti in assoluto dalla Peronospora, compaiono macchie rossastre, sempre più evidenti, sulle foglie con conseguente necrotizzazione e comparsa di muffa.


Come prevenire efficacemente la Peronospora

Indipendentemente dalla tipologia di coltivazione dinnanzi cui ci si trova, sapere come prevenire efficacemente la Peronospora è di fondamentale importanza. Si può cercare di arrestare la sua propagazione anche se le conseguenze sulle foglie colpite sono realmente irrimediabili. La prima forma di prevenzione sta nell'evitare quanto più possibile i ristagni idrici sia in corrispondenza del fusto delle piante sia per quanto concerne i terreni circostanti. Terreni ben drenati, quindi, rappresentano una perfetta soluzione per arginare quanto più possibile il verificarsi del problema. Quando si sottopongono le piante ad operazioni di potatura, poi, i relativi residui vanno prontamente eliminati. Un attento esame visivo delle piante è importantissimo. Solo in questa maniera, infatti, ci si può accorgere sin da subito della prima comparsa dei sintomi. Con prodotti a base di rame si possono ricoprire le parti sane per evitare i contagi.


Come la si combatte meglio

Danni foglie Una volta comparsi i primi sintomi e le prime inevitabili conseguenze, bisogna assolutamente procedere alla lotta mirata verso la malattia. Fino agli anni Quaranta, per la lotta alla Peronospora si utilizzava la cosiddetta poltiglia bordolese. Oggi si utilizzano appositi prodotti fungicidi da contatto, di tipo penetrante o sistemico. Quelli che garantiscono migliori risultati sono sicuramente i trattamenti penetranti e quelli sistemici perché resistono meglio in caso di pioggia. I prodotti da contatto, invece, rischiano di essere dilavati. Hanno, poi, il vantaggio di una maggiore efficacia nei confronti delle spore anche se queste sono penetrate in profondità. Nel trattamento della Peronospora è importante ricordare che i principi attivi dei prodotti scelti vanno variati spessissimo per evitare che si verifichino delle resistenze e che la lotta sia ancora più dura.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO