Impianto di riscaldamento

La progettazione dell'impianto di riscaldamento

L'impianto di riscaldamento va installato dopo un'attenta valutazione da parte di una figura esperta in materia. Nelle nuove costruzioni potrà essere fatto uno studio per valutare quale sia l'alternativa migliore per l'approvvigionamento energetico. Ovviamente la scelta ricadrà sulle fonti che sono più facilmente a disposizione. In un contesto caratterizzato da un'esposizione costante al vento, per esempio, sarebbe utile montare un mini eolico, per ridurre i consumi di elettricità e per alimentare piccoli dispositivi domestici. Nelle zone con un buon irraggiamento si può predisporre un impianto fotovoltaico per sfruttare l'energia solare. Dove la rete pubblica lo consente è possibile allacciarsi al metano, che risulta nettamente più economico rispetto al gpl. Terminato il progetto si passerà alla posa in opera dell'impianto, collegandolo a una caldaia e ai radiatori, per distribuire il calore all'interno delle stanze.
Caminetto moderno sospeso

Circolatore Elettronico Per Impianti 'Evosta' Pompa Indicata Per La Circolazione Di Fluido Vettore Per Impianti A Pannelli Solari E Di Riscaldamento Tradizionale. E' In Grado Di Garantire Un Corretto Funzionamento, Assicurando Elevata Efficienza Grazie Al

Prezzo: in offerta su Amazon a: 81,19€


Impianto di riscaldamento autonomo

Caminetto a bioetanolo di design L'impianto di riscaldamento autonomo è una soluzione obbligata per i contesti in cui non c'è la possibilità di attingere dalla rete di distribuzione pubblica dell'energia elettrica o del gas. Il sistema più conosciuto, che caratterizzava le vecchie case di paese e la abitazioni di montagna, è il caminetto a legna, per tenere l'ambiente caldo e confortevole. Insieme al focolare principale, in genere posto nel salotto, può essere presente anche una stufa da collocare nella cucina per la preparazione delle pietanze. Ormai questi sistemi non esistono praticamente più, superati da tecnologie più moderne. Tuttavia il riscaldamento con caminetto o stufa a legna è ancora presente nelle case, a supporto di altre tipologie o per fornire ulteriori punti di calore. Il riscaldamento autonomo può essere anche a gpl, con il serbatoio che viene posto fuori dall'abitazione e che viene riempito periodicamente dal fornitore. Per scaldare l'acqua del bagno in maniera autonoma è possibile ricorrere ad uno scadabagno elettrico.

  • stufa a pellet moderna In un impianto di riscaldamento a pellet le stufe che fungono da caldaia devono essere installate da un tecnico qualificato che ne rilascia la certificazione di conformità e la garanzia. Inoltre quest...
  • Termosifone moderno Il termosifone che sia di ghisa, alluminio, acciaio o che lo si chiami radiatore o calorifero presenta la medesima funzione: ha lo scopo di riscaldare gli ambienti. Esso costituisce l'ultima parte del...
  • Caminetto moderno a legna Per riscaldare la casa ci sono molte soluzioni valide per cui è importante scegliere la più adatta. Un impianto di riscaldamento talvolta è caratterizzato da più componenti. E' il caso delle abitazion...
  • Verifica fumi caldaia La caldaia non è un elettrodomestico da discount. Un impianto di riscaldamento è un sistema che prevede il rispetto di precise normative di sicurezza. La caldaia, a legna, a gas, a pellet od altra ali...

Honeywell, Regolatore per impianto di riscaldamento a pavimento Evohome, per 5 zone, HCE80

Prezzo: in offerta su Amazon a: 299€
(Risparmi 30€)


Caldaie a risparmio energetico per impianto di riscaldamento

Riscaldamento a pavimento Per aumentare le prestazione dell'impianto di riscaldamento sono state studiate apposite caldaie a risparmio energetico. Queste apparecchiature di ultimissima generazione permettono un notevole risparmio e una resa in termini di calore nettamente superiore rispetto alla tecnologia tradizionale. Collegando un termostato è possibile scegliere la temperatura intorno alla quale mantenere l'ambiente interno della stanza. Quando i gradi complessivi scenderanno al di sotto della soglia prestabilita, la caldaia a risparmio energetico entrerà in funzione. Si accenderà solo per alcuni minuti, giusto il tempo necessario per ripristinare la condizione desiderata. Dopodiché tornerà in stand-by, pronta per entrare nuovamente in funzione, ma senza consumare durante l'inattività. Opzionalmente si può anche prevedere un timer, per scegliere le fasce orarie in cui l'impianto si accenderà automaticamente. Questo accessorio è particolarmente adatto per chi si sveglia presto al mattino e vuole trovare le stanze riscaldate, facendo partire la caldaia per pochissimi minuti precedenti al risveglio e riducendo al minimo i consumi.


Apparecchi e accessori portatili per il riscaldamento

Radiatore elettrico L'impianto di riscaldamento può essere ottimizzato prevedendo l'utilizzo di accessori opzionali aggiuntivi. I dispositivi portatili contribuiscono a mantenere calde le stanze, fornendo punti di calore confortevoli, specialmente quando si fa ingresso in casa durante una giornata fredda. Le stufette elettriche possono essere spostate nella sala, nella camera o nel bagno, in base alla necessità momentanea. Dopo aver fatto una doccia, accendere la stufetta elettrica può essere utile per evitare di ricorrere al riscaldamento generale. Va detto che queste stufette consumano parecchia energia elettrica e vanno usate con la giusta proporzione per evitare contraccolpi sulla bolletta mensile. Esistono poi i caminetti da tavolo, da parete o portatili che vengono alimentati a bioetanolo. Questo combustibile naturale non prevede il passaggio della canna fumaria e non produce ceneri.


Impianto di riscaldamento a pavimento

Per un'abitazione di nuova costruzione sarebbe interessante valutare l'opzione del riscaldamento a pavimento. Questa tipologia di sistema, in realtà, può essere sfruttato anche nelle case da ristrutturare, ovviamente con una spesa maggiore. La caldaia distribuisce l'acqua calda all'interno delle serpentine di tubazioni che passano al di sotto della superficie del pavimento. L'effetto provocato dal riscaldamento a pavimento è estremamente piacevole. Peraltro l'aria calda viene sfruttata in maniera ottimale. La proprietà fisica naturale, infatti, provoca il sollevamento verso l'alto dell'aria calda e, partendo proprio da terra, nulla viene disperso. Il riscaldamento risulta nettamente più uniforme rispetto ai sistemi classici. L'unico svantaggio è che per riscaldare l'ambiente occorre un tempo leggermente prolungato rispetto al sistema a radiatori. Si tratta di una metodologia innovativa, non immediata come la caldaia a termostato che in pochi minuti fa alzare di alcuni gradi la temperatura delle stanze, ma efficiente per un mantenimento costante del calore.


Energie rinnovabili per impianto di riscaldamento

Per l'impianto di riscaldamento si può anche attingere alle cosiddette fonti rinnovabili. L'energia solare può essere sfruttata trasformandola grazie all'azione dei pannelli fotovoltaici. Il montaggio avviene nella maggior parte dei casi sul tetto dell'abitazione. Tuttavia è possibile installare i pannelli anche a terra, in base alle specifiche esigenze pratiche. L'energia prodotta può essere immediatamente usata oppure immagazzinata in batterie speciali per l'accumulo. Nei momenti più favorevoli, ad esempio in estate, è possibile addirittura mettere in rete le eccedenze prodotte, con un ritorno economico non indifferente, vendendo l'energia all'azienda distributrice pubblica. L'altro vantaggio di tipo economico è legato all'incentivazione del governo. Su ogni impianto riguardante l'adeguamento energetico delle strutture sono previsti sconti fiscali che arrivano a coprire il 65% del costo totale del lavoro.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO