Le stufe

Le stufe a legna

Indubbiamente una delle stufe oggigiorno più acquistate è la stufa a legna. Da secoli le stufe a legna sono presenti nelle nostre case e hanno saputo rinnovarsi nello stile senza mai perdere la loro funzione primaria: il riscaldamento. La stufa a legna presenta un focolare in ghisa, o in altro materiale refrattario, che funge da conduttore per la propagazione del calore. L'aria calda che si diffonde viene in seguito indirizzata, attraverso una griglia, in una camera sottostante da cui viene distribuita nell'ambiente. Il prezzo delle stufe a legna è più basso rispetto alle stufe che utilizzano altro combustibile e l'installazione è semplice e veloce. È consigliabile porre la stufa lontana dalle pareti e al centro della stanza per ottenere più calore. Alcune stufe a legna permettono anche di cuocere i cibi.
Moderna stufa a legna

Toyotomi Plus Combustibile Puro per Stufe Portatili, Rosso, 18 litri

Prezzo: in offerta su Amazon a: 44,57€
(Risparmi 1,33€)


Le stufe a pellet

Il pellet Il funzionamento delle stufe a pellet è molto simile a quello delle stufe a legna, con il vantaggio di inquinare molto meno l'ambiente. Infatti le emissioni del pellet nell'atmosfera sono poco dannose, in quanto l'anidride carbonica emessa durante la combustione è neutra e si emettono meno polveri nell'aria. Inoltre il pellet è facilmente reperibile, essendo in vendita anche nei supermercati; non è necessario averne a casa una scorta e ed è di minore ingombro. Le stufe a pellet sono di facile manutenzione, sono completamente autonome e sicure. Il pellet, ossia i cilindretti di legno triturato dalle piccolissime dimensioni, non sporca e si maneggia con facilità. Il costo della stufa a pellet è però più elevato e bisogna considerare anche il costo dell'installazione e della realizzazione della canna fumaria; nel tempo però l'acquisto si rivelerà fruttuoso.

  • Stufa a legna in ghisa Le stufe a legna possono essere abbinate a un impianto di riscaldamento tradizionale oppure utilizzate come unica fonte di calore per tutta la casa.Per un corretto funzionamento è necessario che la st...
  • Esempio di stufa a gas moderna Le stufe a gas rappresentano la soluzione ideale da adottare quando si vive in una zona che non è raggiunta dal metano e si ha bisogno di riscaldare la propria abitazione. Esistono diverse tipologie e...
  • Termosifoni a colonna cromati Il sistema di riscaldamento tradizionale si basa su un moto di convezione, in questa maniera distribuisce il calore direttamente dalla fonte ai caloriferi impiantati in casa. Il meccanismo è molto sem...
  • Stufa a legna con forno Le moderne stufe a legna con forno hanno una resa termica eccellente e possono essere adoperate per riscaldare una casa di piccole, medie e talvolta grandi dimensioni a seconda della grandezza della c...

Toyotomi Prime Combustibile Universale Inodore per Stufe, Blu, 18 Litri

Prezzo: in offerta su Amazon a: 52,8€


Stufe a gas

Classica stufa a gas Naturalmente queste stufe utilizzano come combustibile un gas, che può essere di due tipi differenti: gpl o metano. In quest'ultimo caso bisogna assicurarsi di aver precedentemente predisposto l'impianto a metano e, qualora, non lo abbiate fatto, dovrete assicurarvi che la vostra zona sia coperta dalla rete di metanizzazione. Il gpl invece si acquista in commercio in apposite bombole che andranno poi posizionate nella parte posteriore della stufa. Negli ultimi anni la vendita di stufe a gas ha subito un calo in quanto queste stufe, pur possedendo tutti i requisiti di sicurezza, vengono considerate alquanto pericolose. Ciò non è vero perché ogni stufa possiede specifici meccanismi di sicurezza in grado di bloccare l'emissione di gas in caso di guasti. In entrambi i casi non è necessaria l'installazione della canna fumaria. I gas, essendo combustibili fossili, risultano dannosi per l'atmosfera a causa delle emissioni di anidride carbonica elevate.


Stufe a mais

Chicchi di mais sgranato Probabilmente pochi di voi ne avranno sentito parlare, ma esistono anche delle stufe, il cui commercio è aumentato notevolmente negli ultimi anni, che utilizzano come combustibile i chicchi di mais sgranati. Questo particolare combustibile ha un elevato potere calorifico, in grado di produrre 6200 Kcal per chilo. Il mais, a differenza del pellet, non deve essere sottoposto ad alcun tipo di processo; i chicchi non devono essere compressi o ridotti in appositi cilindri. Una nota negativa, a lungo termine, è che il costo del mais potrebbe in futuro crescere, dato il suo utilizzo come combustibile, e ciò potrebbe provocare danni rilevanti nei paesi in via di sviluppo. Le stufe a mais funzionano esattamente come quelle a pellet, tant'è che spesso una stessa stufa può essere utilizzata con entrambi i combustibili; a differenza del pellet, il mais produce più cenere.


Le stufe elettriche

Le stufe elettriche utilizzano l'energia elettrica per produrre calore; esse sono le più utilizzate e le più facilmente reperibili sul mercato per via del costo molto contenuto. Esse sono molto semplici da usare; sarà sufficiente collegarle ad una presa elettrica e stabilire il grado di calore necessario. Inoltre possono essere facilmente trasportabili di stanza in stanza, non necessitando di installazione di canne fumarie. Le stufe elettriche più moderne sono quelle alogene, dotate di lampade ad incandescenza in grado di raggiungere temperature molto elevate. Esistono lampade alogene con bulbo in vetro e lampade con bulbo in quarzo; queste ultime però possono provocare radiazioni molto pericolose per gli occhi. La nota negativa delle stufe elettriche è il costo di gestione più alto rispetto alla legna o al pellet. Si stima che il consumo elettrico sia pari a 35 centesimi per un'ora di funzionamento, mentre si abbassa a 15 centesimi per le stufe alogene.


Il costo dei vari modelli

Stufa pellet Come abbiamo detto le stufe più costose sono quelle a pellet, anche se il costo iniziale sarà poi ammortizzato in breve tempo. Le stufe a pellet più economiche partono dai 500€-600€ per un modello base in grado di riscaldare un'unica stanza, mentre quelle più care, che si aggirano intorno ai 5.000€ possono riscaldare l'intera abitazione ed essere allacciate all'impianto calorifero. Le stufe a legna hanno invece costi più contenuti, a partire dai 1.000€ ai 3.000€ per una stufa di buona qualità e media potenza; alle stesse cifre si possono acquistare stufe a bioetanolo. Le stufe elettriche più semplici si trovano in commercio in offerta a partire dai 20 euro; se si desidera acquistare un modello di buona qualità e che sia resistente nel tempo se ne trovano modelli a partire dai 100€-150€.




COMMENTI SULL' ARTICOLO