New towns

Caratteristiche del modello urbanistico delle new towns

Le prime new towns, cioè "nuove città", sono nate in Inghilterra nell'anno 1947 con lo scopo di arginare l'imponente sviluppo di Londra. Si tratta in pratica di sobborghi extraurbani con buoni collegamenti ferroviari ed autostradali con la città principale, completamente autosufficienti. Dal punto di vista urbanistico sono completi in quanto hanno un centro amministrativo e commerciale con intorno le zone residenziali e sono forniti di servizi come cinema, teatri e scuole di ogni livello. Tra un quartiere residenziale e l'altro, sono presenti aree agricole di modesta estensione e parchi pubblici. Le abitazioni sono costituite da villette a schiera, spesso colorate, con attorno il classico giardino. Per questo le new towns sono chiamate anche "città giardino", concetto nato originariamente a New York nel 1869. (fonte: wikipedia.org)
La città giardino corea del sud

The City After Chinese New Towns: Spaces and Imaginaries from Contemporary Urban China

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,67€
(Risparmi 8,88€)


La presenza delle new towns nel mondo ed in Italia

La new town di Longmont Dopo Londra, nei cui sobborghi ci sono circa un milione di abitanti, negli anni '40 il concetto di new town è stato applicato ad altre zone, come Harlow. Da quel momento altri progetti simili sono stati messi in pratica in varie parti del mondo. In Europa sono diventate famose le "forstater", cioè le periferie, in Danimarca e in Svezia. A Mosca, nell'ex Unione Sovietica, nacquero delle new towns chiamate "goroda-sputnika", le città satellite. Inoltre anche in Giappone sono nati sobborghi del genere. In Italia, tra gli anni '50 e gli anni '60, furono avanzate delle proposte di città giardino a Roma, Milano, Torino e Napoli per contenere la notevole crescita. In particolare a Roma ne erano state previste due: una a nord e l'altra a sud ma non si realizzarono più. Due dei pochi casi in epoca recente sono Milano 2 e Milano 3. (fonte: wikipedia.org)

    New Towns: An Investigation on Urbanism

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 32,22€
    (Risparmi 1,8€)


    New towns: Le differenti opinioni degli esperti sulla new town

    Il modello urbanistico delle new towns non è considerato vantaggioso da tutti gli urbanisti e gli architetti. Secondo i suoi creatori, esso rappresenta la città perfetta perché ai comfort ed ai servizi è abbinata la salubrità e la tranquillità degli spazi verdi e della campagna, grazie alla presenza cospicua di giardini e parchi. Coloro invece che criticano la new town sostengono che rischiano fortemente di essere una sorta di ghetto contemporaneo con costruzioni prive di alcuna importanza architettonica e sviluppo urbano di scarso valore. Un'altra critica mossa contro le "nuove città" riguarda la tipologia edilizia utilizzata. La preferenza verso abitazioni monofamiglia piuttosto costose può, con il trascorrere del tempo, portare alla nascita di centri residenziali troppo selettivi e riservati ad un ceto sociale di livello medio-alto.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO