Finestre in PVC

Come nascono le finestre in PVC

Ormai le finestre in PVC sono le più diffuse, insieme a quelle in legno, perché economiche, leggere, facili da installare. Sin dalla sua nascita, una ventina d'anni fa, il PVC, acronimo per polivinilcloruro, è diventato un materiale di grande successo, tanto che oggi è il secondo più utilizzato nella fabbricazione di serramenti. Il PVC è inizialmente rigido allo stato puro ma, mescolato alle plastiche nella costruzione delle finestre, diventa più elastico e modellabile. Vista la leggerezza della struttura, è sempre inserito dell'acciaio nei profili cavi della futura finestra, per non appesantirla troppo e renderla comunque resistente. Una volta installati i vetri, infine, tutte le varie parti vengono saldate tra loro, così il telaio diventa un blocco unico, guadagnando stabilità e robustezza. Ogni finestra in PVC acquistata deve avere il marchio CE.
Esempio di finestra in PVC

Tenda Antipioggia in PVC Crystal Trasparente. (300x300)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 248€


Tutti i vantaggi delle finestre in PVC

Esterno di finestre in PVC Si parlava precedentemente del basso costo, della leggerezza e dell'elasticità delle finestre in PVC. Oltre a ciò bisogna evidenziare: l'impermeabilità, che assicura una resistenza all'acqua migliore rispetto al legno e all'alluminio, rendendo queste finestre perfette per le zone di mare; l'eliminazione dei costi di manutenzione, dal momento che non servono trattamenti aggiuntivi dopo l'installazione, ad eccezione della classica pulizia di tanto in tanto, come per ogni finestra; la capacità di isolamento termico, per evitare di disperdere il calore d'inverno o di far entrare l'aria calda d'estate; l'alta fonoassorbenza, grazie alle tante guarnizioni e ai materiali che compongono il telaio; la capacità ignifuga, per non alimentare e talvolta ridurre le fiamme in caso di incendio; la sicurezza delle varie parti che compongono la struttura e i vetri in PVC, perfetti per la blindatura e per resistere addirittura alle effrazioni.

  • Granuli di PVC La storia degli infissi parte dal legno, materiale nobile e versatile che è stato rivalutato negli anni per molte lavorazioni. Tuttavia l’evoluzione dell’industria chimica ci ha regalato anche una ser...
  • Finestra in alluminio Le finestre in alluminio, tra tutti i serramenti, sono quelle più adatte alle esigenze del design contemporaneo. Duttile e malleabile, l'alluminio consente infatti di ottenere tutti i più ricercati ef...
  • Elegante porta in legno Per serramenti si intendono le porte e le finestre che completano un edificio. Essi permettono non solo il passaggio di persone e cose, ma anche dell'aria, del caldo e del freddo e dei rumori. La loro...
  • Persiana scorrevole La persiana è un elemento progettuale che serve sia a proteggere dai raggi del sole che dagli sguardi indiscreti gli ambienti interni di una casa e le persone che vi abitano. Se ne fa uso da molto tem...

Finestra di ventilazione per l'installazione in un muro di blocchi di vetro - anziché 3 bicchiere blocco 19x19x8 cm orizzontalmente

Prezzo: in offerta su Amazon a: 54,99€


I difetti principali delle finestre in PVC

Porta-finestra in PVC Le finestre in PVC sono già soluzioni convenienti, ma bisogna stare molto attenti a chi le vende a prezzi ancora più bassi, perché purtroppo in commercio girano tanti prodotti di qualità scadente, che si deteriorano in fretta e non reggono agli sbalzi di temperatura, agli agenti atmosferici e ai raggi del sole. Questi problemi si incontrano soprattutto con le finestre della Classe M, provenienti dall'Europa Orientale, non adatte al clima mediterraneo. Di recente si sta indagando sulla possibilità che il PVC contenga sostanze tossiche: in condizioni normali non si sono riscontrate tracce particolari, ma certamente la composizione plastica rende il materiale difficile da smaltire e, durante la produzione, avviene una grande emissione di sostanze inquinanti. Infine, dal punto di vista estetico, il PVC non si adatta a molti contesti, come le abitazioni dallo stile classico.


Le differenze tra finestre in PVC e in alluminio

La struttura di una finestra in PVC La prima grande differenza tra le finestre in PVC e quelle in alluminio è il costo: ad incrementare il divario tra i due modelli c'è anche il fatto che tutti gli infissi in alluminio sono stati recentemente oggetto di un restyling completo per tornare competitivi sul mercato, causando più spese e dunque una maggiorazione dei prezzi. In materia di isolamento, sia acustico che termico, le finestre in PVC sono ancora migliori. Per quanto riguarda la resistenza alle deformazioni, invece, l'alluminio ha un'alta resistenza meccanica, soprattutto se in lega con altri metalli, invece il PVC rimane sensibile alle alte temperature, soprattutto d'estate. Per concludere, entrambi i tipi di finestra richiedono una manutenzione pressoché inesistente e, dal punto di vista della durata, registrano valori che si equivalgono. Il design e le finiture sono ugualmente curati e soddisfacenti in entrambi i casi.


Le differenze tra finestre in PVC e in legno

Per quanto riguarda i costi delle finestre in PVC e di quelle in legno non c'è veramente confronto, dal momento che i serramenti in legno sono attualmente i più costosi sul mercato. Come si accennava in precedenza, inoltre, il PVC non richiede manutenzione, mentre il legno comporta controlli e cure costanti e, a lungo andare, anche piuttosto costosi. Nonostante i ritocchi e le riverniciature, le finestre in legno restano meno longeve, una finestra in PVC dura tre volte di più. Per l'isolamento termico e fonico, il legno è quasi due volte superiore al PVC. Un grande punto di forza del legno è la sostenibilità a livello ambientale, superiore a quella di tanti altri materiali, PVC compreso. Da ultimo, le finestre in legno si adattano più facilmente ad ogni tipo di ambiente, grazie ai diversi trattamenti che possono ricevere.


Finestre in PVC: Cura e manutenzione

Pulizia finestra Si accennava in precedenza all'autonomia delle finestre in PVC, che non hanno bisogno di manutenzione particolare, le uniche indicazioni per curarle sono di tipo preventivo. Per quanto riguarda il lavaggio, il PVC è particolarmente soggetto alle macchie di polvere e pioggia e alle incrostazioni dovute ai raggi solari; per evitare il danneggiamento dei telai e dei vetri basta usare comuni saponi neutri, che tra l'altro agiscono molto facilmente, vista la superficie liscia e omogenea su cui vengono applicati. Vanno evitati agenti chimici particolarmente aggressivi o sostanze corrosive. L'ideale sarebbe pulire con un panno morbido in cotone, indossando dei guanti, piuttosto che ricorrere a spugne o prodotti abrasivi. Si possono usare anche strumenti a vapore, a temperature non troppo elevate. La pulizia andrebbe effettuata un paio di volte l'anno.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO