Lucidatura a tampone, stoppino o alla francese

Cos'è la lucidatura a tampone, stoppino o alla francese

La lucidatura è quasi l'ultima fase del ripristino di un mobile, quella che dopo il restauro riporta l'oggetto allo splendore originario. La lucidatura a tampone, stoppino o alla francese è un tipo di lucidatura, chiamato in diversi modi, non facile da fare, ma nel quale ci si può cimentare se armati di pazienza. Un mobile o un oggetto in legno, dopo i vari interventi di cui può aver bisogno (trattamenti antitarlo, sverniciatura, preparazione del fondo), è pronto per la lucidatura e per la patinatura. Per la lucidatura a tampone, stoppino o alla francese occorre il materiale per preparare il tampone, ovvero bambagia, pezzuole di lana e di cotone o lino e la soluzione di gommalacca già pronta o preparata facendo sciogliere la gommalacca nell'alcool. Il tampone o stoppino va creato avvolgendo la bambagia nella pezza di lana: è questa parte che sarà imbevuta nella soluzione di gommalacca. Il tutto si avvolge ancora in una o due pezzuole di lino e si passa sulla superficie da trattare.
Mobile prima e dopo il restauro

Explosion Box, opamoo Scrapbook Creative DIY Photo Album con 16 PCS di accessori Fai da Te Album Fotografico Creativo Album di Foto Regalo per San Valentinoi, compleanno, Matrimoni, Anniversario -Nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€
(Risparmi 13€)


Lucidatura a tampone, stoppino o alla francese: Come procedere alla lucidatura

Lucidatura del legno Una volta preparato e imbevuto il tampone nella gommalacca, bisogna passarlo con sapienza sul legno. E' un lavoro che va fatto con cura, sempre nello stesso verso, senza dimenticare alcuna parte e senza ripassare due volte sullo stesso punto. Una volta stesa la gommalacca su tutta la superficie, bisogna aspettare che asciughi bene. Qui entra in gioco la pazienza: possono occorrere due giorni o anche di più. Dipende dalle temperature e dall'aerazione del locale in cui si opera. Quando il primo strato è ben asciutto, si passa ad un secondo e così via per 4 - 5 volte. La prima passata sarà fatta "disegnando" delle linee orizzontali; la seconda degli "8", la terza usando movimenti circolari. Ogni mano deve essere data utilizzando una miscela di gommalacca più diluita.Infine è il momento della brillantatura: fase delicata in cui con un nuovo tampone e una soluzione molto diluita (100 gr di gommalacca in 2 l di alcool) si lucida velocemente la superficie, che tornerà com'era all'origine.

  • restauro mobile Il primo passo da intraprendere per poter restaurare un qualunque mobile è il rimuovere la parte di superficie che risulta danneggiata o deteriorata. Per questo ci corre in aiuto la carta vetrata, che...
  • Mobile bisognoso di restauro Non sempre i mobili e gli oggetti in legno vengono tenuti nelle condizioni ideali per mantenersi sani e belli. Spesso l'abbandono, la polvere, l'umidità, il sole rovinano in modo decisamente visibile ...
  • vespa restaurata Il lavoro di restauro di una vespa deve prima partire da un progetto del lavoro che avete intenzione di ottenere; ciò significa che dovrete essere in grado di immaginare la vostra moto a restauro term...
  • mobile cucina restaurato e verniciato Per effettuare un restauro totale di mobili antichi in maniera fai da te necessitate dei seguenti occorrenti: carta abrasiva o carta vetrata, vernice per legno o vernice del vostro colore preferito e ...

Asphalt Renaissance by Kurt Wenner (6-Jul-2011) Paperback

Prezzo: in offerta su Amazon a: 43,57€


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO