Sabbiatura

Che cos'è la sabbiatura del legno e come si effettua

La sabbiatura è un intervento che può essere adottato su superfici diverse, ma soprattutto su quelle di legno, in quanto permette di ottenere risultati eccezionali. Consente di far tornare all'originale splendore naturale tavolati, travetti, travi e altre strutture edili in legno, valorizzando gli elementi e dando loro un aspetto anticato. Utilizzata sia per la pulitura che per il restauro, la sabbiatura permette di eliminare le polveri che si sono accumulate durante gli anni sulla superficie del legno e gli eventuali strati di vernice. Dato che è una tecnica di pulitura controllata, si è sicuri che in questo modo si preservi la delicata superficie del legno. In più, la si utilizza in modo frequente per ristrutturare i sottotetti, i solai e le mansarde in legno. La sabbiatura viene effettuata indirizzando sulla superficie un ampio getto ad alta pressione di sabbia, convogliando grandi quantità del materiale inerte all'interno di un tubo.
Tetto a cassettoni di legno sabbiato

Asturo 3147500 Pistola per sabbiatura semi professionale Kit PS-2, Blu/Argento

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28€


Quali sono i metodi di intervento della sabbiatura del legno

In genere la procedura di sabbiatura del legno vede l'utilizzo di un compressore (la cui funzione è generare l'aria che crea il getto ad alta pressione) e di una sabbiatrice, cioè di un miscelatore sabbia-aria. La miscela di aria e sabbia ad alta pressione, quindi, viene espulsa dal tubo che si trova all'estremità della macchina per attuare l'azione pulente. Esistono quattro tipi diversi di sabbiatura, diversi a seconda del metodo utilizzato. La sabbiatura a secco è quella più comunemente usata e vede impiego di graniglia metallica o sabbia silicea. In ambito industriale è maggiormente applicata la sabbiatura criogena (detta anche sabbiatura a ghiaccio secco). La superficie viene trattata con giaccio secco, ovvero con anidride carbonica allo stato solido. Invece sono valide alternative alla sabbiatura a secco la sabbiatura con umidificatore e l'idrosabbiatura, entrambe simili per procedimento. Nel primo caso, la macchina utilizza sulla superficie da pulire un getto di sabbia e acqua presa dall'esterno miscelate tra loro. Invece l'idrosabbiatura prevede la stessa miscela pulente, ma l'acqua viene miscelata alla sabbia all'interno della sabbiatrice.

  • esempio di sabbiatura Per costruire una sabbiatrice fai da te è necessario sapere che l'aria del compressore arriva alla bombola con la sabbia; da qui la sabbia verrà sottoposta al secondo flusso d'aria per mescolarsi e po...
  • casetta in legno per bambini Le casette in legno sono davvero insostituibili per arredare il giardino. Sceglile per il tuo outdoor e gli donerai un'atmosfera non solo incredibilmente rustica, ma addirittura magica e fiabesca. Sar...
  • Una casetta per gli attrezzi Cosa sono le casette in legno e a cosa servono? Bisogna, innanzitutto, precisare che ne esistono di diverse tipologie, anche se quelle più comuni sono le casette in legno prefabbricate che vengono uti...
  • Mobile in legno per il soggiorno I mobili in legno vengono realizzati con numerose essenze e fra le più comuni ci sono sicuramente il castagno, l'abete, il ciliegio e il faggio. Arredare la propria casa con mobili in legno significa ...

25 KG MONOGRANULARE PER SABBIATURA 0,7-1,7mm - SABBIA DI BASALTO LAVICO ABRASIVO dell'ETNA PER SABBIATURA E SVERNICIATURA, OTTIMO PER TUTTE LE SABBIATRICI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 30€


I tipi diversi di sabbia e le differenti granulometrie

Intervento di sabbiatura del legno Il trattamento della sabbiatura prevede di colpire la superficie da pulire con un elemento abrasivo, che nella maggior parte dei casi è appunto la sabbia. Tuttavia, la granulometria della sabbia dipende sia dal tipo di superficie da trattare che dalle superfetazioni (polveri, vernici, ecc.) da eliminare. In genere, gli interventi di sabbiatura utilizzano sabbia o un altro prodotto abrasivo con una granulometria COB30, cioè che va dai 0,4 ai 0,7 mm. Invece, per particolari e specifici lavori di rifinitura delle strutture in legno si consiglia di utilizzare una granulometria COB80, con granuli più piccoli che vanno dai 0,2 ai 0,5 mm di diametro. Diametralmente opposta è la norma che regola la sabbiatura per creare un effetto invecchiato oppure che va a trattare legni duri o con segni evidenti di danneggiamento. In quest'ultimo caso si consiglia di applicare un elemento abrasivo di tipo COB20, la cui granulometria varia dai 0,7 ai 1 mm. Allo stesso modo, la quantità di prodotto necessaria dipende dal risultato da ottenere e dallo sporco da eliminare. Normalmente per un soffitto di legno verniciato servono 4 kg di elemento abrasivo per metro quadro.


I vantaggi che consentono gli interventi di sabbiatura del legno

Intervento di microsabbiatura del sottotetto Impiegare la sabbiatura come sistema di pulitura è una soluzione che consente numerosi e notevoli vantaggi. Innanzitutto si deve tenere a mente che in questo modo le superfici trattate (che siano di legno, alluminio o vetroresina) ritornano alla loro bellezza e al loro stato originario senza subire danni. Tuttavia, il metodo e l'elemento abrasivo adottati dipendono dal risultato da ottenere: si va dall'eliminazione di polveri, patine e vernici all'asportazione dei calcinacci, passando per la semplice messa in risalto di metalli delicati o delle venature del legno. Un vantaggio che consentono i granuli abrasivi vegetali è il fatto di non mettere in circolo durante la sabbiatura polveri tossiche per l'organismo. In questo modo, l'intervento è completamente ecologico e non pregiudica la salute dell'operatore. I granuli sono ottenuti dal tutolo di mais e sono estremamente elastici, tanto che non si frantumano durante il trattamento e quindi sono riutilizzabili. Basta stendere un telo intorno all'area di lavoro.


Come effettuare un intervento di sabbiatura a secco

La sabbiatura a secco è consigliata in quanto è il metodo più efficace nel settore. Consente di ottenere risultati eccezionali, soprattutto nell'ambito della ristrutturazione edilizia, e di contenere la produzione di polveri durante l'intervento. Per questo motivo è particolarmente indicata per gli interventi in ambienti interni. Inoltre, è molto più veloce ed economica rispetto ad altri metodi di sabbiatura, dato che non serve manodopera estremamente qualificata, e si può effettuare in qualunque periodo dell'anno.

In genere la sabbiatura a secco impiega per materiali e superfici delicati (ad esempio, l'alluminio) elementi abrasivi con granulometria molto fine e un getto d'aria a pressione leggera. Al contrario, per i materiali e le superfici più dure si adotta una sabbiatura più incisiva. Bisogna tenere a mente, comunque, che una volta terminata la sabbiatura, la superficie trattata sarà scabra e ruvida, in maniera più o meno decisa in base alla granulometria e alla pressione del getto.


Sabbiatura: Requisiti e precauzioni per una sabbiatura a regola d'arte

sabbiatura Dato che gli interventi di sabbiatura producono una certa quantità di polveri sottili, bisogna prendere alcune precauzioni prima di iniziare la procedura. Più semplice è il trattamento effettuato all'esterno: è sufficiente chiudere completamente il ponteggio del cantiere impiegando un certo numero di fogli di nylon. Questo vale, ad esempio, se si opera sulle travi del tetto. Se invece l'intervento avviene all'interno, si devono chiudere le finestre e le porte della stanza, sigillandole, in modo che vi sia il minor spostamento d'aria possibile tra i vari locali.

Inoltre, perché la sabbiatura sia realizzata a regola d'arte e duri nel tempo, si deve porre attenzione al tipo di apparecchiature e di materiali impiegati. Innanzitutto, devono avere un basso impatto ambientale, quindi deve essere certificato che non producano residui di lavorazione. In più, devono essere adattabili: devono cioè essere impiegabili col massimo risultato su materiali diversi, sia per quanto riguarda la consistenza che per quanto riguarda l'età.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO