Non ti scordar di me

Non ti scordar di me

Il "non ti scordar di me" è una pianta originaria dell'Europa, ma anche del nord America, Australia o Africa nelle zone temperate. Il suo sviluppo è piuttosto lento, tuttavia crescendo tende ad allargarsi senza problemi. Il genere Myosotis appartiene alla famiglia delle Boraginaceae dalle innumerevoli specie; è una pianta annuale o addirittura perenne e si può trovare allo stato spontaneo anche in Italia. I suoi caratteristici fiori si possono raccogliere volendo anche in montagna, lungo i ruscelli o nei prati. Se si volesse coltivare un "non ti scordar di me" della famiglia delle Borraginaceae, del genere Myosotis e della specie Sylvatica sarà bene esporlo al sole, ma in un posto che possa godere anche di un po' d'ombra. Si innaffia regolarmente senza però produrre grandi concentrazioni d'acqua. Va concimato spesso in un terreno compatto e sboccerà in tutto il suo spendore in primavera o in estate. La sua altezza arriva fino ai 30 centimetri essendo una pianta erbacea.
Non ti scordar di me

Non ti scordar di me Collana, gioielli per lei, con fiori veri gioielli, idea regalo per la festa della mamma

Prezzo: in offerta su Amazon a: 6,78€


Tante leggende sul "non ti scordar di me"

Bellissimo Il "non ti scordar di me" appare in molte favole e leggende; per esempio in Europa si narra di una romantica storia legata a questo fiore e specificatamente di due innamorati che camminavano lungo il Danubio e si scambiavano effusioni e promesse. In seguito, i due giovani rimasero a guardare stupiti e meravigliati la moltitudine di fiori azzurri che l'acqua del fiume portava con sè. Il ragazzo allora si tuffò per raccoglierne alcuni da offrire all'amata, ma venne travolto e inghiottito dalle correnti del fiume. Lui le gridò: "Non dimenticarmi!". Da allora il significato di questo fiore fu quello dell'amore infinito. Un'altra leggenda sul "non ti scordar di me" ci riporta alla classificazione e al nome che Dio avrebbe dato ad ogni pianta durante la creazione. Tuttavia, c'era una piantina che ancora non aveva ricevuto il proprio nome e così gli urlò: "Non ti scordar di me!". Dio allora le rispose: "Questo sarà il tuo nome". Infatti, chi portava con sè questo fiore non fu mai dimenticato e per le donne rappresentava fedeltà; ora invece è diventato internazionale come fiore ideale per la Festa dei nonni.

  • Orchidee Vanda Le Orchidee Vanda sono piante da fiore originarie del continente asiatico e in particolare dell'India, della Cina, della Malesia e dell'Indonesia; alcune varietà sono coltivate anche in Australia. A q...
  • Varietà di calancola La calancola è una piccola pianta succulenta che solitamente non oltrepassa i 35 cm di altezza. Le foglie carnose triangolari formano una fitta rosetta eretta e sono caratterizzate da un margine ondul...
  • Varietà di clematide rampicante La clematide rampicante appartiene alla famiglia delle Ranuncolaceae. Presenta fusti sottili semi legnosi e può avere foglie caduche oppure sempreverdi. I viticci prodotti si attaccano tenacemente all...
  • Calle colorate La coltivazione della calla può essere effettuata a terra o in vaso. La messa a dimora in giardino deve avvenire fra settembre e dicembre. Prima si interrano i bulbi in piena terra in una zona di mezz...

Extragifts ecocube Non ti scordar di me - piante nel cubo di legno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Le varietà del "non ti scordar di me"

Il "non ti scordar di me" viene anche chiamato orecchie di topo o vaniglia selvatica nel gergo popolare e viene a volte confuso con gli "occhi della Madonna" che invece appartengono alla comune Veronica. Ecco lo stesso fiore prendere parte alla preparazione di unguenti per alleviare i fastidi degli occhi e veniva considerato un'erba sacra, tanto che Plinio il Vecchio lo classificò come il rimedio ideale contro la tristezza e il dolore. Ma di varietà e versioni di questo fiore ne esisono tante. La specie più diffusa è quella annuale o biennale da usare per esempio per le aiuole e nei giardini o come pianta comune da vaso, ma anche in varie composizioni, grazie al suo colore e alla sua abbondante fioritura. Ecco alcune varietà che derivano dal Myosotis sylvatica, molto diffusa in Europa, nei boschi e nei terreni ricchi e umidi: alpestris, arvensis, caespitosa, corsicana, discolor Pers, nemorosa Besser, pusilla Loisel e tanti altri ancora.


L'essenza del Non ti scordar di me

Straordinario fiore chiamato Il "non ti scordar di me" aiuta molto nei momenti tristi, quando ci si sente abbandonati da una persona cara. La sensazione di non aver detto o di non aver fatto tutto quello che si doveva dire o fare ritrova nell’essenza di questo fiore la forza per superare il disagio. Questa malinconia in poche parole si trasforma in una pace interiore. L’essenza floreale riduce il rimpianto o un ricordo doloroso di situazioni vissute. Il "non ti scordar di me" è utilissimo anche per le donne in gravidanza, al fine di stabilire un legame emotivo con il figlio ancora in grembo. Infatti, pure in questa situazione il fiore riesce a infondere positività. Lo stesso fiore serve in caso di meditazione e yoga per ritrovare se stessi e la propria coscienza. E' inoltre molto indicato per chi ha problemi di insonnia, incubi, sonnambulismo e ansia. E' utile anche per aumentare la capacità di memoria e per essere più lucidi. Un piccolo fiore così importante, tanto bello quanto indispensabile se si vuole ritrovare attraverso di lui una parte di noi. Grazie ai sensi e alla vita onirica infatti offre pace e consapevolezza; è un benefico rimedio naturale per guarire il corpo e l'anima un po' depressi.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO