La stufa

Che cosa sono le stufe a pellet

La stufa è un mezzo efficace per riscaldare efficientemente la propri casa: per poter ottimizzare i consumi e risparmiare sulle bollette energetiche è necessario scegliere con attenzione il modello e la tipologia più adatta. Infatti gli impianti possono essere alimentati a bioetanolo, a pellet oppure a lena. Negli ultimi anni si è diffusa sempre più la seconda tipologia che impiega come combustibile un concentrato non trattato di segatura di legno, pressato così da assumere la forma di piccoli cilindri. Qualunque sia la stufa adottata bisogna verificare la presenza oppure la possibilità di installare una presa d'aria e la canna fumaria. Inoltre si può optare per un modello ad acqua oppure ad aria: nel primo caso si produce anche acqua calda per uso sanitario che viene poi messa in circolo per alimentare i termosifoni. Invece la stufa ad aria necessita di un sistema di canalizzazione per diffondere l’aria calda nella casa, quindi è necessario effettuare un corretto dimensionamento dell'impianto.
Esempio di stufa moderna

Prity FM, stufa con forno a legna, 12 kW

Prezzo: in offerta su Amazon a: 363,9€


La stufa a pellet: cosa tenere a mente

La stufa a pellet in una nicchia Quando si acquista la stufa a pellet è necessario valutare diversi fattori. Innanzitutto bisogna valutare che la potenza e la resa termica del modello siano adatte alle proprie esigenze di riscaldamento. Per questo motivo è fondamentale esaminare con attenzione il libretto della stufa. In questo documento sono riportati il rendimento dell'apparecchio in termini percentuali e la sua potenza. Inoltre deve essere presente il marchio CE, il nome della casa produttrice e l’indicazione della normativa a cui fanno riferimento i test ai quali è stata sottoposta la stufa. Bisogna tenere a mente che più è basso il valore di emissione di CO2 e meno il dispositivo inquina. In ogni caso questo valore deve essere inferiore allo 0,04%. Infine è necessario che l'azienda produttrice possa garantire alla clientela una rete di assistenza diffusa su tutto il territorio italiano. In questo modo non sussistono problemi per la manutenzione annuale.

  • Esempio di stufa a gas moderna Le stufe a gas rappresentano la soluzione ideale da adottare quando si vive in una zona che non è raggiunta dal metano e si ha bisogno di riscaldare la propria abitazione. Esistono diverse tipologie e...
  • Stufa a legna con forno Le moderne stufe a legna con forno hanno una resa termica eccellente e possono essere adoperate per riscaldare una casa di piccole, medie e talvolta grandi dimensioni a seconda della grandezza della c...
  • Stufa in ghisa a legna con fiamma accesa Le stufe in ghisa a legna accumulano il calore nelle pareti del loro rivestimento appunto la ghisa, rilasciandolo in ambiente molto gradualmente. La ghisa è un perfetto conduttore di calore per questo...
  • Stufa a legna Le stufe a legna sono soluzioni molto apprezzate ed efficienti per il riscaldamento, a volte abbinate al classico impianto a termosifoni. Tra l'altro in commercio si trovano numerosi modelli, diversi ...

Stufa a legna carbone acciaio Kir 9/12 Kw vetro ceramico piastra cottura

Prezzo: in offerta su Amazon a: 218,2€


Quali sono i consumi di una stufa a pellet

Moderna stufa a pellet In genere si preferisce optare per una stufa a pellet in quanto è un materiale dalla buona resa termica e che non ingombra. Di conseguenza il trasporto e lo stoccaggio del combustibile risultano facilitati. Il potere calorifico del pellet è di 4,6 kWh/kg: ad esempio un apparecchio con rendimento dell’87% e con una potenza da 9 kW consuma in un’ora 2,25 chili di pellet se azionata alla massima potenza. Invece, se tarata al minimo, il consumo orario di pellet è di soli 600 grammi. Di conseguenza si ha un notevole risparmio energetico e monetario rispetto al riscaldamento a gas metano. Quest'ultimo ha un costo medio per MWh di 90 euro, mentre quello del pellet si aggira sui 70 euro. L’utilizzo del pellet è sempre più diffuso e in continua crescita: anche per questo motivo i produttori certificano il prodotto per garantirne la qualità. Infatti un combustibile scadente può comportare l'inorgere di alcuni problemi e la necessità di effettuare una pulizia più approfondita.


Che cosa sono le stufe a legna

Stufa incassata nel muro Dopo il caminetto la stufa a legna risulta il sistema di riscaldamento per eccellenza. In questo modo si riesce a riscaldare la propria casa in maniera ecosostenibile, arredando al tempo stesso l'ambeinte. Infatti questo dispositivo è davvero molto versatile e si adatta perfettamente a ogni stile d'arredo. Al tempo stesso diventa il vero e proprio protagonista dello spazio. Il modello di stufa a legna più diffuso è dotato di un focolare in materiale refrattario oppure in ghisa. Nel primo caso si hanno minori possibilità di lavorare il materiale perché assuma una forma particolare, tuttavia la resa termica e le potenzialità di conduzione sono veramente ottimali. Questi dispositivi consentono una perfetta propagazione del calore, mentre l'aria calda viene canalizzata attraverso una griglia posizionata sul fondo e un sistema di ventilatori.


La stufa incassata nel muro a sostituire i caminetti

Una tipologia originale e molto decorativa di stufe permette di sostituire il tradizionale caminetto. Si tratta di modelli con alimentazione a legna in pietra ollare oppure in maiolica decorata finemente. Si tratta di una soluzione molto vantaggiosa, soprattutto nei condomini e negli appartamenti, immobili dove non è possibile costruire un camino. Di conseguenza spesso si opta per questi dispositivi, che risultano pratici, economici e veloci da installare. Infatti possono essere collegati senza problemi alla preesistente canna fumaria in modo da far fuoriuscire i fumi. Basta installare un apposito sistema di tubi. La stufa in maiolica o in pietra ollare è un vero e proprio pezzo d'arredo, che personalizza notevolmente l'atmosfera di tutta la casa. Inoltre adotta un combustibile pulito, economico ed ecologico, grazie al quale si riducono sensibilmente i consumi e le emissioni di CO2.


Come posizionarla

Camino Per ottenere ottimi risultati e riscaldare in autonomia e con efficienza tutti i locali della propria casa è necessario adottare alcuni accorgimenti sul modo in cui posizionare la stufa. In questo modo si ottimizzano i consumi e si massimizza la resa calorica dell'impianto. Innanzitutto bisogna posizionare la stufa al centro del locale da riscaldare, installandola sempre nel piano principale. Di conseguenza il calore risale verso l'alto in base alle leggi della fisica e si diffonde in tutta l'abitazione. Per avere un'ottimale resa termica e un buon tiraggio si deve collocare il dispositivo lontana dalle pareti: così si evita anche di surriscaldare i rivestimenti. Nel caso in cui la stanza sia dotata di parquet oppure di un pavimento in moquette, è necessario realizzare un pannello di rialzo. Si tratta di un accorgimento fondamentale per evitare che la pavimentazione si deteriori e per aumentare il livello di sicurezza generale.




COMMENTI SULL' ARTICOLO