Pietra leccese

La pietra leccese, materiale pregiato dalla notte dei tempi

La pietra leccese ha origini antichissime, sia per quanto riguarda la sua formazione geologica che l'uso da parte delle diverse civiltà che si sono succedute nei secoli. Dal punto di vista della sua formazione è una roccia calcarea che viene fatta risalire al Miocene, quindi a un era compresa tra i 17 e i 23 milioni di anni fa. E' una pietra soffice ed è tipica del bacino del Mediterraneo. Diversi sono i giacimenti che si ritrovano in paesi come la Turchia, la Tunisia, Malta, Spagna e nell'area del Libano e della Palestina. In Sicilia invece è conosciuta con il nome di Palazzolo. La sua estrazione avviene di solito in cave, a una profondità che oscilla tra i 50 e 70 metri al di sotto del livello del suolo, ma si può trovare anche in superficie Si estrae in blocchi squadrati e attualmente le zone più operose nella sua produzione sono piccoli distretti nei dintorni di Lecce, Corigliano d'Otranto, Melpignano e Cursi.
Fregio in pietra leccese

Scultura artigianale in pietra leccese "Amorini inseparabili grandi" misure 21 x 11 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,99€


La pietra che ha segnato il Barocco Leccese

La pietra leccese: duttile e friabile La caratteristiche pregiate della pietra leccese sono di natura non solo estetica. Si presenta infatti di un giallo pallido, con una texture omogenea e di grana fine, ma ha il notevole vantaggio che, pur essendo facile da tagliare, con il passare del tempo aumenta in durezza e resistenza. D'altro canto però nel lungo periodo è vulnerabile agli agenti atmosferici e soffre molto gli attacchi da patina biologica. Nel Salento è largamente diffusa, al punto che si può dire che non ci sia costruzione, decorazione, scultura di pregio in cui non abbia un ruolo da protagonista. Il suo utilizzo è stato fondamentale nel dar vita al barocco leccese, il movimento artistico che regnò incontrastato in Puglia dal XVI e XVIII secolo che, come si intuisce dal nome, diede i suoi frutti migliori proprio nella capitale salentina.

  • Muro cemento pozzolanico Il cemento pozzolanico è ottenuto amalgamando due componenti principali, ovvero il cemento di Portland e la pozzolana. Quest'ultima è formata da ossido di silicio e di alluminio e si presenta sotto fo...
  • Polistirene espanso sinterizzato Il polistirene espanso sinterizzato è ottenuto attraverso un particolare processo cui viene sottoposto il petrolio. Da quest'ultimo, infatti, si ricavano delle sferette trasparenti alle quali viene su...
  • Calce in polvere La calce viva è uno dei prodotti intermedi del ciclo della calce. Si parte da una pietra calcarea (CaCO3), che si riscalda ad altissime temperature (900-1000°C), raggiunte le quali inizia la cottura, ...
  • I principali materiali da costruzione I materiali da costruzione oggi in commercio sono veramente tantissimi ed in continuo aumento. Infatti grazie al progredire delle nuove tecnologie sono in numero tale da poter permettere un'ampia scel...

Nonno Gufo fatto a mano in Pietra Leccese - Inclusa Elegante Confezione e Bigliettino in Inglese - Prodotto Artiginale che Contiene Frammenti Fossili - I Gufi Simboleggiano Verità, Onore, Saggezza, Attenzione per i Dettagli - Souvenir di Lecce Puglia Salento - donna uomo compleanno infermieristica magistrale x fidanzato x mamma x pasqua x uomo zia zio capo dipendente ufficio impiegato accessori casa promozione festa gufare uomo donna Studente idee regali originali laurea civetta barbagianni

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,9€
(Risparmi 20,1€)


Le tecniche di estrazione

Un magnifico balcone decorato in pietra leccese La diffusione e l'uso protratto nei secoli della pietra leccese è dovuta anche alla facilità di raccolta. Sono moltissime, infatti, anche in superficie, le cave di sfruttamento più o meno grandi sul territorio salentino. Le cave sono quasi tutte a cielo aperto. Le tecniche di estrazione si servono di punteruoli molto lunghi, scalpelli e zeppe o cunei. Dopo la rimozione degli strati più superficiali, di bassa qualità, il blocco di roccia viene intagliato verticalmente grazie all'uso dei punteruoli e degli scalpelli, e viene diviso con le zeppe. Nelle cave sotterranee invece un lunga fessura viene scavata fino alla profondità desiderata, in modo da creare un'apertura a cono o a campana. A quel punto è possibile lavorare esattamente come nelle cave a cielo aperto.


Pietra leccese: Le diverse varietà

Scultura barocca Oggi la pietra leccese viene estratta principalmente nella provincia di Lecce, nei dintorni di Cursi e Melpignano. Come in passato, è disponibile in diverse varietà. Ecco nomi e caratteristiche- Mazzara. A grana grezza con texture eterogenea- Piromafo. Grigioverde, soffice ed eterogenea, usata soprattutto come materiale ignifugo- Cocuzzara. Bianco-grigia, con texture eterogenea- Dura. Grigio-bianca, con texture compatta, usata per i tetti- Bianca. Bianca, fine a texture compatta usata come materiale per opere decorative- Dolce. giallina, usata per le decorazioni degli edifici e per le sculture- Saponara. Grigio-bianca, molto tenera e igroscopica- Gagginara. Giallo pallido, usata per le placcature e per le decorazioni- Nera. Poco apprezzata per il suo colore bruno-grigio



COMMENTI SULL' ARTICOLO