Nastro isolante

Caratteristiche di un nastro isolante

Il nastro isolante è un nastro adesivo che ha la peculiarità principale di isolare elettricamente due conduttori. Tuttavia è facile da maneggiare, è estremamente morbido ed ha ottime qualità collanti, per questo viene utilizzato anche come semplice nastro adesivo normale. Il nastro isolante è formato da uno spesso strato di plastica con capacità elastiche, ricoperto su una delle due superfici da materiale collante. Sul mercato è prodotto in diversi colori che possono accontentare ogni genere di consumatore, e soprattutto servono per riconoscere i cavi all'interno di una scatola elettrica in cui passano numerosi cavi. I vari rotoli di nastro isolante variano da una lunghezza di 10 metri fino ad una lunghezza di 25 metri ed una larghezza che varia dagli 8 ai 10 millimetri, a seconda dello scopo per cui viene acquistato.
Nastro isolante nero

TESA 56192-00010-01 nastro

Prezzo: in offerta su Amazon a: 2,22€


Vari tipi di nastro isolante

Nastro isolante autoagglomerante Esistono molti tipi di nastro isolante in commercio che vengono classificati in base alle caratteristiche. In base al materiale si possono distinguere quattro tipi diversi di nastro isolante: quello in PVC, che ha ottime qualità isolanti ed elastiche, è inoltre autoestinguente, quindi non prende fuoco a contatto con la fiamma. Il secondo tipo è in fibra di vetro, molto utilizzato per i tubi di caldaie e forni in quanto può resistere fino a 170°C di temperatura. Il terzo tipo di nastro isolante è in calza di rame, molto flessibile e utilizzato per schermature elettriche. L'ultimo tipo di nastro isolante è in uretano, è un nastro liquido che può raggiungere punti nascosti. Si possono anche distinguere due tipologie diverse di nastro in base al fissaggio: quello autoadesivo che si applica direttamente sull'oggetto e quello autoagglomerante dotato di un'etichetta che va rimossa prima di essere applicato.

  • Tassello ad espansione I primi tasselli ad espansione sono da attribuire ad Arthur Fisher, perfezionatore di quei tasselli ad S che suo padre aveva progettato nella metà del secolo scorso. Attualmente i tasselli Fischer son...
  • Polistirene espanso Il polistirene espanso è un composto inerte ed è solubile solo in solventi aromatici quali cloroformio, diclorometano, trielina, benzene e toluene. La produzione di polistirene può avvenire per massa,...
  • Lana di pecora In quest'era dell'eco sostenibilità parlare di materiali naturali è molto importante. Questi ultimi, infatti, si differenziano completamente dagli elementi artificiali, perché trattati dall'uomo. Quan...
  • ruggine La principale domanda che spesso ci si pone è la seguente: a cosa serve realmente l'antiruggine? Per quanto banale possa sembrare, in pochi conoscono quella che è la concreta azione preventiva dei pro...

Scotch Universal 4401BLA Nastro Isolante in PVC, Nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 3,33€
(Risparmi 1,67€)


Costo di un nastro isolante

Applicazione di nastro isolante liquido Il prezzo di un rotolo di nastro isolante varia a seconda della lunghezza e larghezza di esso e dal materiale con cui è stato prodotto. Solitamente, in commercio troviamo rotoli dalla lunghezza di 10 metri e larghezza 10 millimetri, che si possono trovare in qualsiasi ferramenta o negozio di bricolage, e hanno un costo di un euro. Leggermente più costoso è invece il nastro isolante in fibra di vetro, in questo caso i rotoli possono costare anche intorno ai 5 euro per un rotolo di 20 metri per 20 millimetri. Anche il nastro isolante in calza di rame si aggira intorno ai prezzi della fibra di vetro. Molto più costosi sono invece quelli liquidi: infatti, una boccetta di nastro isolante liquido nero da 125 millilitri può raggiungere anche i 20 euro per le marche più ricercate. Tuttavia quest'ultimo risulta essere un tipo di isolante molto comodo e che può risolvere svariati problemi.


Nastro isolante: Come si applica un nastro isolante

applicare nastro isolante La nastratura di questo tipo di prodotto sembra semplice, ma va fatta con cura per non comprometterne l'efficienza. Una volta staccato il lembo dal rotolo va applicato sulla porzione di cavo che vogliamo aggiustare. Una volta fissato il lembo si inizia con lo srotolamento, facendo sempre attenzione a mantenere il nastro isolante ben teso e applicato con forza. L'ultimo giro di nastro isolante deve essere su se stesso per rinforzare l'estremo. Ultimamente, il nastro isolante ha trovato vari rivali sul mercato, tipo i morsetti, che hanno lo stesso compito ma ci vuole meno fatica ad applicarli. Tuttavia, il nastro isolante risulta essere molto utilizzato sia sugli ambienti di lavoro che tra le mura domestiche, in quanto risulta essere un prodotto efficiente e sicuro. La stesura del nastro isolante liquido è invece più facile e serve soprattutto per aggiustare strumenti elettronici come le componenti di un PC.



COMMENTI SULL' ARTICOLO