Costo impianto elettrico

Come si realizza un impianto elettrico

Un impianto elettrico è composto alcuni componenti assolutamente necessari per far funzionare il circuito e da una dotazione variabile in base alle dimensioni della casa o dell'ufficio. Per quanto riguarda l'installazione di nuovi impianti elettrici la legge Cei 64-8, la norma che regola le prestazioni minime degli allacci, determina tre differenti livelli qualitativi. Innanzitutto c'è da considerare che la potenza contrattuale che un'azienda elettrica fornisce ai privati è diversa a seconda della superficie della casa: il valore minimo per le abitazioni fino a 75 metri quadri è 3 kW, mentre per le superfici superiori si parte da 6 kW. Di conseguenza l'impianto elettrico deve avere la predisposizione almeno per queste potenze. Se le potenze sono maggiori di 6kW il progetto dell'impianto elettrico deve essere realizzato da un ingegnere o da un professionista abilitato iscritto all'albo. In questo caso nel costo dell'impianto elettrico va conteggiato anche il progetto.
Esempio di impianto elettrico

POWERY® Batteria al Gel di piombo Powery per:impianto elettrico di emergenza (UPS) Tairui TP6-4.0 6V 4,5Ah (sostituisce anche 4Ah 5Ah)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,9€
(Risparmi 1,09€)


Qual è il costo di un impianto elettrico

installazione impianto elettrico Il costo di un impianto elettrico dipende non dai metri quadri di un'abitazione ma dal numero di punti luce e di punti presa installati, cioè dal numero di lampade, lampadari, interruttori e prese presenti per un buon comfort abitativo. In genere ogni punto luce di un impianto elettrico ha un costo variabile tra i 30 e i 60 euro circa, anche se in genere si attesta sui 50 euro. Di conseguenza il costo di un impianto elettrico standard formato da 60 punti luce circa in un appartamento delle dimensioni di 90 metri quadri si aggira in totale sui 3.000-3.600 euro, su cui va poi calcolato l'importo dell'Iva. Nell'importo sono conteggiati i costi per i quadri elettrici, i tubi corrugati, i materiali e la manodopera: infatti, anche se non ci si rivolge a un professionista iscritto all'albo, un impianto elettrico deve essere eseguito da un elettricista.

  • Citofono moderno a muro Partendo dal presupposto che in un condominio non è possibile installare il proprio citofono a meno di non avere permessi particolari, faremo riferimento a coloro che abitano in una casa indipendente....
  • Un esempio di presa in serie ad interruttore La presa in serie ad interruttore ha sostanzialmente un'importante funzione di sicurezza. Si tratta, infatti, di una particolare presa a muro che è dotata, appunto, di un interruttore così da permette...
  • impianto elettrico In gran parte delle case italiane è installato un sistema monofase per fornire l'energia elettrica all'immobile: di conseguenza vi è una fase neutra e una di alimentazione. Di conseguenza molti interv...
  • funzionamento interruttore magnetotermico E' facile non rendersi conto di come, ad esempio, un qualsiasi elettrodomestico mal funzionante, potrebbe creare un accumulo di corrente elettrica e conseguenti danni e pericolo. Fenomeni come sovracc...

PISTOLA PER IRRIGAZIONE DEL GIARDINO, ZERO PERDITE D’ACQUA – Irrigatore interamente in metallo per un’irrigazione potente – Una gettata versatile con 7 tipi di spruzzo per la pulizia, il lavaggio dell’auto, l’annaffiatura vaporizzata ed atro ancora! ZERO PLASTICA e soddisfazione garantita

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,63€


Come calcolare il costo dell'impianto elettrico

Impianto elettrico Per calcolare il costo di un impianto elettrico è necessario tenere a mente alcune regole. Innanzitutto i prezzi di un punto luce aumentano per ogni presa aggiuntiva che si inserisce nella stessa scatola. In genere il costo di un punto luce è differente da quello di un punto presa, anche se a volte l'elettricista o l'impresa edile li calcolano allo stesso modo. Sono appunto queste figure i responsabili della determinazione dei costi, tanto che a volte decidono di farsi pagare a ore. Oltre ai punti luce e ai punti presa, il costo di un impianto elettrico viene determinato anche dai quadri elettrici (ognuno costa 50-60 euro), dalle esigenze dell'ambiente in base alla sua destinazione d'uso e dal numero dei circuiti. Devono essere minimo due, uno per gli elettrodomestici e le prese da 16 A e l'altro per le prese da 10 A e l’illuminazione. In più, maggiore è il numero dei circuiti e minori saranno i disservizi.


Costo impianto elettrico: Considerazioni sul costo dell'impianto elettrico

Impianto elettrico finito Un appartamento o una casa di 80-90 metri quadrati di superficie è un'abitazione di tipo medio, quindi in genere necessita di un impianto elettrico standard, cioè con 3-4 prese in ogni stanza, tv e un quadro elettrico generale con differenziale. Se poi vi si aggiungono dispositivi particolari come un sistema di allarme, punti luce a dissolvenza e un sistema a pulsanti con dimmer/on/off, il costo di un impianto elettrico può aumentare e quindi raggiungere i 4.000-5.000 euro. Inoltre c'è da considerare che la potenza minima di 6kW, a differenza di quello che si pensava fino a pochi anni fa, non è proprio altissima: dato il sempre maggior numero di apparecchi elettrici usati, in una casa di medie dimensioni è necessaria spesso una potenza maggiore. In più si deve considerare la fondamentale integrazione della rete dati.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO