Stufe in ghisa

Che cosa sono le stufe in ghisa

Le stufe in ghisa sono costituite da diversi pezzi ottenuti in fonderia, e permettono di riscaldare un ambiente domestico. Questo tipo di manufatto rivestito per l'appunto di ghisa, per riscaldare un qualsiasi ambiente sfrutta l'energia termica che viene prodotta in camera di combustione. Di solito queste stufe vengono alimentate a legna o a pellet, ma sul mercato esistono dei modelli che possono essere alimentati elettricamente, a gas ed a bioetanolo. Ad oggi è possibile trovare stufe in ghisa che si differenziano tra loro per il modello, la forma e la dimensione ma le caratteristiche che le accomuna sono sempre le stesse. Infatti quest'ultime dispongono di una camera di combustione ampia, il loro funzionamento avviene tramite uno sviluppo in senso verticale, hanno un braciere che permette una doppia combustione, hanno un peso elevato e necessitano di una canna fumaria.
stufa in ghisa in ambiente domestico

Divina Fire Stufa a legna 5-7Kw acciaio nera riscaldamento casa ambienti DF51695

Prezzo: in offerta su Amazon a: 130€


Le caratteristiche da considerare in fase di acquisto

stufa in ghisa moderna Le caratteristiche che permettono di scegliere una stufa in ghisa, come soluzione per il riscaldamento di un ambiente, sono diverse. Le stufe in ghisa hanno un'ottima resa termica e riducono i costi di gestione. Infatti grazie alla doppia combustione è possibile usufruire di una temperatura in ambiente sempre costante. La loro combustione è pulita, infatti le emissioni che verranno rilasciate in ambiente saranno solo quelle di anidride carbonica e vapor d'acqua. Grazie al loro sistema di riscaldamento per irraggiamento è possibile constatare in ambiente un comfort non indifferente, in quanto non ci saranno moti convettivi, né spostamento di polveri e di aria. Infine le stufe in ghisa sono soggette ad una scarsa manutenzione periodica che consiste semplicemente nello svuotare il cassetto adibito alla raccolta delle ceneri.

  • Stufa pellet canalizzata Le stufe a pellet canalizzate sfruttano la distribuzione del calore che avviene tramite delle tubazioni che vengono installate in tutta la casa. In questo modo si ha possibilità di avere calore in tut...
  • Riscaldamento a legna Gli impianti di riscaldamento possono essere di tipologie differenti, in base alle esigenze pratiche specifiche. La resa in termini di calore sviluppato è il parametro principale con cui regolarsi per...
  • Esempio di stufa moderna La stufa è un mezzo efficace per riscaldare efficientemente la propri casa: per poter ottimizzare i consumi e risparmiare sulle bollette energetiche è necessario scegliere con attenzione il modello e ...
  • Stufa a pellet modern design Ogni stufa a pellet è un tratto distinguibile e unico in quell’opera d’arte che è la casa. La cornice domestica racchiude in sé lo stile e il modo di vivere di ognuno. Le stufe a pellet moderne sono l...

Stufa a legna carbone acciaio Kir 9/12 Kw vetro ceramico piastra cottura

Prezzo: in offerta su Amazon a: 239,9€


Gli svantaggi delle stufe in ghisa

Stufa ghisa Il primo svantaggio in fase di acquisto di una stufa in ghisa è proprio il suo costo elevato. Infatti l'elevato numero di pezzi con cui viene realizzata la stufa incide sul costo del manufatto. Anche il peso purtroppo è un'altro neo delle stufe in ghisa, in quanto il loro spostamento e trasporto diventa difficile. Prima che la stufa riesca ad andare a regime, vista la sua notevole massa, necessità di un certo lasso di tempo; per questo motivo la sua installazione è sconsigliata in quegli ambienti in cui si richiedono tempi rapidi di riscaldamento. Infine le stufe in ghisa prima di entrare completamente a regime sono soggette ad un rodaggio iniziale, che consiste nel far riscaldare il manufatto con dei carichi di legna che a poco a poco vanno aumentando fino a caricarla al massimo per poi farla raffreddare lentamente.


Stufe in ghisa: Fattori di cui tener conto

stufa in ghisa antica con accessori In fase di acquisto di una stufa in ghisa è necessario valutare alcuni parametri. Infatti per prima cosa è necessario scegliere la potenza adeguata alle nostre esigenze e all'ambiente da scaldare. La cubatura da riscaldare potrà essere ottenuta semplicemente moltiplicando l'altezza dell'ambiente con i relativi metri quadri. Ottenuto questo parametro dovrà essere moltiplicato con un coefficiente che va da 0,040 a 0,060, in questo modo è possibile ottenere la potenza necessaria al proprio fabbisogno. Infine in fase di acquisto è necessario verificare che la porta di caricamento funzioni perfettamente; che non ci siano rugosità tra i pezzi che la compongono, in quanto si evincerebbe un difetto in fase di fusione; e soprattutto è fondamentale controllare la tenuta degli stucchi refrattari inserendo semplicemente al suo interno una torcia accesa.



COMMENTI SULL' ARTICOLO