Piano della sicurezza

Il piano della sicurezza e il Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro

Il piano della sicurezza e del coordinamento è parte integrante del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro (abbreviato in TUSL), di cui i requisiti minimi sono ben esplicati nell’allegato XV del Decreto Legislativo 81 dell’aprile 2008. Tale Decreto è coordinato al Decreto Legislativo 106 dell’agosto 2009. L’obiettivo del piano della sicurezza e del coordinamento (abbreviato in PSC) è quello di ridurre al minimo i rischi che è possibile correre da parte degli operai durante i lavori in un cantiere edile. Il Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro, emanato per attuare le norme contenute nella Legge 123 del 2007, ha abrogato gli ordini presenti in atti normativi precedenti riguardanti la sicurezza e la salute sul lavoro. In seguito all’abrogazione di questi atti normativi sparsi, il Testo Unico ne ha riformato, accordato e riunito in sé le disposizioni.
Operaio con accessori di sicurezza

La casa futura del Dio vivente

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,79€
(Risparmi 4,21€)


L'articolo 100 del TUSL: cos'è il piano della sicurezza

Operai in cantiere sicuro con elmetti Nel Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro, nell’articolo 100, viene specificato cos’è il piano della sicurezza e di coordinamento. Esso deve essere composto da una esposizione tecnica sul processo di costruzione, con enfasi riguardante quelle che possono essere le fasi critiche durante le varie fasi di costruzione e, di conseguenza, individuare durante quali di queste i rischi per l’incolumità dell’operaio sono più alti. Una volta individuate quali sono queste fasi ad alto rischio, bisogna ricorrere alla messa in sicurezza del cantiere e fare in modo di prevenire le eventualità che possono mettere a repentaglio la vita o la salute del lavoratore. Il piano di sicurezza e coordinamento è una parte imprescindibile del contratto stipulato dalle aziende appaltatrici. Oltre ad una esposizione tecnica, il PSC deve essere integrato da tavole tecniche e da una pianta del cantiere indicando le zone di sicurezza, le zone ad alto rischio e quale sia l’organizzazione strutturale del cantiere.

  • Cantiere edile Il piano della sicurezza, conosciuto anche come PSC (piano di sicurezza e coordinamento) non è altro che un documento con cui si vanno ad organizzare e valutare tutte le attività che vengono effettuat...
  • Casa a corte Lo studio della forma residenziale a corte permette anche un approfondimento dell’evoluzione e dell'espansione della città urbana. La residenza a corte, più che essere una tipologia edilizia è più ch...
  • costruire casa Come ben noto l’Italia è, da sempre, afflitta da fenomeni naturali dalle gravi conseguenze come: terremoti, alluvioni, frane e dissesti idrogeologici. Costruire casa con la consapevolezza dei pericoli...
  • Casa Naturale immersa nel verde La costruzione di una casa naturale mette in atto la volontà di effettuare una struttura ad impatto ambientale zero.Gli edifici di questo tipo permettono, quindi, di salvaguardare il nostro pianeta, c...

La casa in legno. Con 10 esempi progettuali

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,4€
(Risparmi 3,6€)


Il compito del datore di lavoro e le eccezioni al PSC

Operai che indossano l'imbracatura I datori di lavoro devono attenersi a quanto previsto dal piano della sicurezza, inoltre è loro compito assicurarsi che i propri dipendenti siano a conoscenza di tale piano e che si attengano ad esso durante l’esecuzione del proprio lavoro. È, infatti, obbligo del datore di lavoro fornire al rappresentante per la sicurezza dei lavoratori una copia del piano fino a dieci giorni prima dall’inizio dei lavori. L’impresa appaltatrice ha il diritto di poter suggerire al Coordinatore per la Sicurezza nella Progettazione modifiche al piano laddove lo ritenga opportuno in base alla propria esperienza lavorativa, con il solo scopo di guardare alla messa in sicurezza dei propri dipendenti. Tali modifiche, infatti, non verranno prese in considerazione se il solo scopo fosse quello di ammortizzare i prezzi per la propria azienda. Ci sono casi di lavori imminenti e di emergenza in cui non è necessario redigere un PSC prima di un intervento edile. Alcuni di questi sono lavori mirati alla messa in sicurezza per prevenire episodi di incidenti imminenti oppure lavori straordinari per assicurare i minimi servizi di sussistenza di cui necessita la popolazione, quali gas, corrente elettrica o acqua.


Piano della sicurezza: Il contenuto del piano della sicurezza

Riunione sulla sicurezza Il piano della sicurezza deve essere redatto durante la fase di progettazione dell’opera a cui si riferisce. Il compito di redigere il PSC spetta al coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione e di esecuzione. Il coordinatore deve essere nominato in fase di progettazione e non può essere il committente stesso, né il datore di lavoro, né un suo dipendente o il responsabile del servizio di prevenzione. I contenuti che devono essere presenti all’interno del piano sulla sicurezza e coordinamento sono descritti nell’Allegato XV del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro. Il piano deve descrivere l’opera che si va a costruire; bisogna identificare i soggetti a cui vengono affidati i compiti di controllo della sicurezza; l’identificazione di quali possono essere i rischi concreti, specificando in quale area del cantiere possono presentarsi e come si intende risolverli o come assicurare la sicurezza degli operai infine bisogna fare una stima di quanto verrà a costare la messa in sicurezza del cantiere.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO