Progettazione casa

La progettazione casa, il mercato immobiliare

Hai finalmente deciso di fare il nido in una casetta tutta tua, con una progettazione casa. Che tu abbia deciso di acquistarla, oppure di stipulare un contratto d’affitto, è bene che, come prima cosa, tu conosca qualche piccola, basilare, regola del mercato immobiliare italiano: stai per investire molto tempo e denaro in questo progetto che, di certo, vuole essere a lungo termine. Come prima regola, allora, cerca di affidarti a professionisti seri in ogni capo, compreso quello delle compravendite immobiliari: fidati degli esperti di settore, perché le condizioni del mercato hanno fatto sì che solo le agenzie migliori restassero a galla. Spesso, le trattative si allungano per mancanza di accordi: meglio affidarsi a chi sa davvero come vanno le cose, ma se proprio vuoi far da solo, non fare lo sprovveduto ed informati prima di compiere ogni qualsiasi tua mossa. Sii previdente e, se decidi di diventare un proprietario, cerca di non investire più del 25% del reddito per il mutuo, ma che tu sia un compratore o un prossimo locatore, dai il giusto peso alla zona e al quartiere, oltre che all’immobile. Il mercato, infatti, è sempre più frammentato e non tutte le case competono allo stesso modo.
Progettazione casa, il futuro è qui e ora

Housing sociale Barcellona. Ediz. italiana e inglese

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10€


Progettazione casa, nuova o da ristrutturare?

Progettare casa, agevolazioni per nuovi edifici e ristrutturazioni L’Istat ci avverte che i prezzi delle nuove abitazioni, dal 2010 al 2016, hanno registrato una perdita del -2,6%, mentre gli immobili usati sono calati di quasi il 20%. È innegabile: chi costruisce deve rapportarsi a una struttura rigida che impone costi standard, con i quali è davvero difficile trovare i margini per applicare ai listini un qualche sostanziale ribasso; è anche doveroso ammettere, però, che le case costruite oggi hanno caratteristiche tecnologiche molto più performanti (e, quindi, un valore aggiunto più evidente), rispetto a quelle di solo qualche anno fa: spendere di più subito permetterò di ridurre i costi poi e garantirà una maggiore rivalutazione dell’investimento, in futuro. Ancora per tutto il 2017, il Fisco agevola la progettazione casa. Per chi si orienta su nuove costruzioni, e se certificate per le classi energetiche appropriate, è possibile detrarre con l’Irpef il 50% dell’Iva versata al costruttore, con un bonus spalmato in dieci anni. Per chi decide di ristrutturare un edificio, l’agevolazione rimane del 50% calcolato su un tetto massimo di 96 mila euro. In entrambi i casi, il bonus favorisce soprattutto l’acquisizione dell’immobile da parte degli under 35.

  • Fare progettazione strutturale La progettazione strutturale è fondamentale sia che si voglia costruire un nuovo fabbricato che nel caso si decida di ristrutturare una struttura già esistente. La sua importanza riguarda la stabilità...
  • progetto per realizzazione casa Se si decide di affidare la progettazione della casa a figure professionali competenti, si vedranno rispettate diverse fasi. Ciascuna di esse sarà tenuta d'occhio e, quindi, gestita da un professionis...
  • Casa a corte Lo studio della forma residenziale a corte permette anche un approfondimento dell’evoluzione e dell'espansione della città urbana. La residenza a corte, più che essere una tipologia edilizia è più ch...
  • costruire casa Come ben noto l’Italia è, da sempre, afflitta da fenomeni naturali dalle gravi conseguenze come: terremoti, alluvioni, frane e dissesti idrogeologici. Costruire casa con la consapevolezza dei pericoli...

L'architettura della casa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,5€
(Risparmi 4,5€)


Quali impianti controllare nella progettazione casa?

Orogettazione casa, affidati ai professionisti Si tratti di una nuova costruzione, o della ristrutturazione di un vecchio immobile, per la tua progettazione casa è bene tu sappia quali sono le "parti" del tuo regno da tenere sotto controllo. Senza entrare troppo nel dettaglio, gli impianti presenti in tutte le abitazioni, a norma di legge, sono: impianti elettrici, radiotelevisivi ed elettronici; impianti di riscaldamento, climatizzazione e ventilazione; impianti idrico-sanitari; impianti gas. La normativa stabilisce che, per la realizzazione di uno qualunque degli impianti indicati, occorre che una ditta specializzata, autorizzata e certificata attraverso un albo di categoria, presenti un progetto che deve essere depositato presso lo sportello unico per l'edilizia del Comune in cui è edificato l’immobile, contestualmente al progetto edilizio. Nel caso di edificio esistente e dotato di certificato di agibilità, l'impresa deve depositare la dichiarazione di conformità ed il progetto dell'impianto, oppure il certificato di collaudo degli impianti installati. In caso, poi, di rifacimento parziale di impianti, progetto, dichiarazione di conformità e attestazione di collaudo si riferiscono alla sola parte oggetto dell’opera di rifacimento.


Progettazione casa, le case bioclimatiche

Progettazione casa, una casa bioclimatica La tua idea di progettazione casa potrebbe collimare con quella di abitazione bioclimatica, cioè quel tipo di edifici che utilizzano gli elementi naturali per isolarsi termicamente e rendersi efficienti, indipendentemente dall’uso di impianti di riscaldamento o climatizzazione. L’approccio green della bioclimatica è saldamente legato al concetto di autosufficienza; chi decide di optare per una casa bioclimatica ha maturato la consapevolezza che, a peggiorare lo stato ecologico del nostro Pianeta siano gli elevati impieghi di energie non rinnovabili, come il carbone e il petrolio. Questo genere di architettura è considerata un settore altamente inquinante, poiché gran parte delle emissioni di gas e di CO2 proviene proprio dagli impianti di climatizzazione e riscaldamento; lo scopo dell'architettura bioclimatica, allora, è il controllo del microclima interno dell’edificio e dell’appartamento, attraverso strategie progettuali passive, che minimizzano l’utilizzo di impianti meccanici e, invece, cercano di massimizzare l’efficienza degli scambi termici tra interno ed esterno. Per questo, le esigenze termiche dell’immobile possono variare a seconda della stagione, ma anche della latitudine.


Abitazioni di tipo economico, la progettazione casa migliore

Importante nella progettazione casa è anche (soprattutto) il budget. Nella prima fase di progettazione, come nella seconda di mantenimento, spesso, ci riferiamo a un’abitazione di tipo economico, senza sapere realmente che cosa indichi questa espressione. Ricorda, escludendo in primis l’accezione negativa che siamo soliti associare al termine, che in edilizia economico non significa né imperfetto, né di scarsa qualità. Se ci fermassmo un istante a ricercare la definizione di abitazione di tipo economico, scopriremmo che, di questo tipo di immobile, si parla già nell’ambito del nuovo catasto edilizio urbano, nel quale si determina e si disciplina il criterio da seguire in fatto di progettazione casa di tipo económico. Nella classe catastale A/3, infatti, si parla di unità immobiliari appartenenti a fabbricati con caratteristiche di economia sia per le dimensioni (mini-alloggi), sia per i materiali impiegati, sia per le rifiniture. In una’abitazione di tipo economico, inoltre, gli impianti tecnologici devono essere efficienti, ma limitati all’indispensabile. Nella progettazione casa cerca di rispettare queste linee guida ed avrai una casa dai bassi consumi, ma perfettamente fruibile.


Edifici sostenibili

Case ecosostenibili Hai un animo green e vuoi che questo tuo amore per la natura si rispecchi anche nella progettazione casa? Gli edifici sostenibili potrebbero essere una vera e propria fonte di ispirazione, per te. Cosa si intende, però, con edificio sostenibile? È un concetto che nasce negli anni ’70, in risposta alla crisi energetica e alle crescenti preoccupazioni per l’ambiente: in quel periodo, scoppiava il bisogno primario di risparmiare energia e limitare i problemi ambientali, così la bioedilizia ha preso lentamente piede e si è evoluta, arrivando fino a noi. Trovare una vera e propria definizione per edificio sostenibile, però, rimane difficile: a volte si può sentir parlare di immobili verdi o di eco-case, ma gli architetti forniscono spiegazioni diverse su cosa potrebbe essere una casa sostenibile. Generalmente, ci si riferisce agli edifici verdi come a immobili progettati, costruiti o ristrutturati in accordo con linee guida per la più alta efficienza energetica; i materiali della bioedilizia sono tutti naturali, ottenuti mediante l’utilizzo di fonti rinnovabili, in modo sostenibile, oppure riciclati da materiali di recupero e valutati mediante specifiche procedure Life Cycle Analysis (LCA).



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO