Trabattello

A che cosa può servire il trabattello

Il trabattello è una struttura molto utile ed impiegata nei cantieri mobili o temporanei, dunque di dimensioni minori, dal momento che risulta davvero comodo e perfetto per velocizzare il proprio lavoro. Può essere impiegato in tantissime attività diverse e la sua utilità principale è quella di permettere un rapido spostamento tra le varie parti del cantiere o della zona di lavoro, anche ad altezze non eccessivamente elevate. Esistono diversi tipi di trabattello, dunque è consigliabile scegliere quello più adatto ai propri bisogni prima di iniziare un lavoro. I fattori da considerare attentamente nella scelta sono: la composizione e l'estensione dell'impalcato; l'altezza necessaria da raggiungere, tenendo conto dell'esposizione al vento; il carico che la struttura dovrà reggere; il tipo di scala con cui spostarsi al suo interno; le condizioni del terreno; i tipi di carico che possono rovesciarlo.
Esempio di trabattello esterno

FACAL PINNA CLIC PN/CLI, Trabattello in alluminio, altezza di lavoro 436 cm, Altezza della scala 365 cm, colore Alluminio, blu

Prezzo: in offerta su Amazon a: 249,34€


Le possibili forme di classificazione del trabattello

Esempio di trabattello interno Stando alla normativa emanata nel 2005 i trabattelli possono essere suddivisi secondo tre diversi tipi di classificazione: a seconda della modalità di accesso alla struttura del trabattello, con scale a gradini, a rampa o a pioli, più casi particolari misti con vie di accesso differenti. In base alla differente classe di carico, che sarebbe la quantità di carico equilibrato in maniera uniforme sull'ultimo livello del trabattello; esistono la classe 2, in cui il carico da sostenere è di 1500 N/m2, e la classe 3, con 2000 N/m2 di tenuta. Infine, si possono distinguere i trabattelli utilizzati all'interno di un edificio o quelli impiegati all'esterno; nei due casi cambia l'esposizione agli agenti atmosferici e soprattutto al vento, quindi negli interni il trabattello può raggiungere i 12 m di altezza, mentre negli esterni deve essere più basso e può arrivare massimo a 8 m. In ogni caso l'altezza minima è di 2,5 m.

  • Opera edile Iniziare delle opere edili nella propria abitazione è un passo spesso importante e da fare accuratamente, onde evitare scomodi imprevisti in futuro. Capire esattamente quali interventi edili è necessa...
  • patìo con imperfezioni e verniciato Gli strati di vernice hanno la funzione di rivestire la parte esterna proteggendo il legno che, essendo di natura organica reagisce alle variazioni di temperatura e umidità anche quando perfettamente ...
  • verniciare cerchi in lega L'alluminio è un metallo duttile di colore grigio-argento. È caratterizzato da due proprietà: la leggerezza e la resistenza all'ossidazione. Queste due particolarità lo rendono un elemento utilizzato ...
  • Vernici epossidiche La verniciatura epossidica viene utilizzata per creare un rivestimento duraturo sulle superfici metalliche, con lo scopo di proteggerle dall'aggressione degli agenti esterni. É un procedimento noto an...

Marchetti 20073 Supertrio trabattello, altezza al piano di lavoro 1,62 m

Prezzo: in offerta su Amazon a: 104€
(Risparmi 63€)


Istruzioni su come montare correttamente il trabattello

Rappresentazione dettagliata di un trabattello Sostanzialmente il trabattello è una torre mobile composta da parti prefabbricate con diversi piani di lavoro, detti impalcati, più delle rotelle poste alla base per spostare comodamente la struttura. Prima di montare tutto quanto bisogna innanzitutto accertarsi della condizione generale della zona, studiando il terreno, l'eventuale pendenza, gli ostacoli e l'esposizione al vento. I manuali delle istruzioni che accompagnano sempre i trabattelli al loro acquisto contengono le informazioni necessarie al montaggio, col numero di persone richieste, i materiali e le parti da assemblare, le varie fasi da seguire. Una volta certi di avere a disposizione ogni pezzo, si può procedere alla creazione della struttura. A lavoro ultimato, prima dell'utilizzo c'è una serie di cose da controllare: l'inclinazione dei livelli, da mantenere sotto all'1%; il fissaggio di stabilizzatori e zavorre; il giusto posizionamento di paravento e collegamenti.


Come utilizzare correttamente e in sicurezza il trabattello

Esempio di piccolo trabattello I manuali delle istruzioni dovrebbero specificare sempre per legge come usare il trabattello, tuttavia è possibile riassumere rapidamente i pochi accorgimenti necessari ad utilizzare questa struttura in sicurezza. Prima di ogni lavoro bisogna innanzitutto controllare se il trabattello è verticale o deve essere riposizionato, se ci sono modifiche ambientali e se il montaggio delle parti è corretto; le norme di sicurezza prevedono che i trabattelli siano ancorati alla costruzione massimo ogni due piani. Non si può mai alzare l'impalcato con scalette, casse o qualsiasi altra cosa, perché si squilibrerebbe tutto quanto e, ovviamente, è proibito anche spostare il trabattello quando ci sono sopra altri oggetti o persone. Infine serve informarsi precedentemente sulle modalità di sollevamento consentite, le massime condizioni di vento, le modalità di bloccaggio e spostamento.


Suggerimenti per la manutenzione del trabattello

La manutenzione del trabattello è un discorso fondamentale da prendere assolutamente sul serio, in quanto ogni parte deve funzionare sempre al meglio ed essere tenuta nelle condizioni migliori. I controlli della struttura devono essere frequenti e vanno fatti da personale specializzato. Per essere comunque preparati e sapere cosa tenere d'occhio, ecco un elenco di tutti gli aspetti che vengono verificati durante i controlli: per le parti in metallo si considerano lo stato superficiale, il livello di usura, danni per agenti corrosivi, le saldature e la loro tenuta, le parti mobili, le condizioni di ogni vite, dado, bullone; per le parti in legno si ricercano tagli, abrasioni, segni di usura, esposizione eccessiva alla corrosione o al calore, zone di deterioramento per l'effetto del sole. A lavoro ultimato, il trabattello va smontato e riposto accuratamente.


Trabattello: La corretta marcatura

Montaggio trabattello Come ripetuto più volte la qualità del trabattello è di vitale importanza per garantire le condizioni di sicurezza a chi lo utilizza. In questo senso, non può mai mancare la marcatura del fabbricante, attraverso una targhetta chiaramente esposta sulla struttura. Nella targhetta devono essere riportati: il nome della fabbrica di produzione; la norma a cui ci si riferisce, in genere quella del 2005; la classe di carico; l'altezza massima consentita; i tipi di accesso inseriti, per mezzo delle lettere A, B, C, D a seconda della tipologia o la lettera X per ogni forma di accesso mancante; la frase "Seguire scrupolosamente le istruzioni per il montaggio e l'uso", tradotta in tutte le lingue necessarie. Da ultimo, ogni singola parte montabile deve presentare il modello di trabattello e la fabbrica di produzione e l'anno in cui è stata fabbricata, solitamente solo con le ultime due cifre, per permettere agli addetti ai lavori di conoscerne la durata di impiego.



COMMENTI SULL' ARTICOLO