Piani cottura ad induzione

Funzionamento dei piani cottura ad induzione

Il piano cottura ad induzione è un sistema innovativo e rivoluzionario. Sotto il piano cottura, che è fatto di vetroceramica, vi sono delle bobine elettriche, una per ogni zona di cottura. Queste sono controllate da una scheda elettronica e a contatto con una superficie ferrosa, generano un campo magnetico. Grazie al nucleo di ferrite posto sotto ogni bobina, il campo magnetico si propaga per induzione a qualsiasi tegame o pentola posato in sua corrispondenza, sotto forma di calore. Il calore irradia dalla bobina direttamente al fondo del tegame. Il resto del piano cottura resta freddo. Ovviamente proprio per la presenza del magnete, affinché il processo dell'induzione vada a buon fine, è indispensabile che il fondo cottura delle pentole sia ad alto tenore di ferro. Il processo induttivo funziona elettricamente, ma ha un'efficacia tale da ridurre i consumi del 90% rispetto ad una qualsiasi cucina elettrica. Pensate che una pentola d’acqua fredda arriva a bollire in meno di 3 minuti.
piano cottura induzione electrolux

Bosch PKE611B17E Piano di Cottura Elettrico Incorporato in Vetroceramica, Nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 222,05€
(Risparmi 6,86€)


Perché scegliere il piano cottura ad induzione

piano cottura induzione I piani cottura ad induzione sono sicuri, economici ed ecologici. Poiché durante la cottura non avviene alcuna combustione, si azzera l'emissione di CO2, eliminando l’impatto ambientale derivato dall’utilizzo del gas e tutti i rischi ad esso connessi. A parità di consumi l'induzione ha una resa del 92% rispetto alle altre cucine, con una riduzione dei tempi di cottura del 50% ed oltre. Il piano cottura ad induzione elimina anche le dispersioni di energia e quindi gli sprechi inutili. Questo perché il calore viene emesso solo in corrispondenza della pentola, eliminando tra l'altro anche il rischio di incorrere in pericolose scottature. La superficie di cottura è igienica e facilissima da pulire poiché è totalmente piana. Non ha bruciatori, né ugelli, né griglie, garantendo un appoggio sicuro per qualsiasi tegame. Grazie al magnete, i piani cottura ad induzione riconoscono automaticamente la pentola, attivandosi solo in presenza di una superficie ferrosa. Per ridurre ulteriormente i consumi, comprendono un dispositivo di sicurezza che interrompe in automatico il processo induttivo, nel momento in cui una pentola viene rimossa o se durante la cottura travasa del liquido.

  • Piano cottura a gas Il piano cottura da incasso è l'elemento fondamentale della cucina, tra quelli che andrebbero scelti con maggiore attenzione. Negli ultimi decenni in Italia si è passati da un piano cottura collegato ...
  • Moderno piano cottura 2 fuochi Il piano cottura costituisce una componente essenziale dell'arredo cucina. Il piano a due fuochi, soprattutto in ambito domestico, è usato per la cottura di modeste quantità di pietanze. Le sue ridott...
  • Piano cottura a tre fuochi orizzontale Nel sistemare e rinnovare la cucina, bisogna sempre tenere a mente che il suo cuore sono i fornelli: un piano cottura ordinato e funzionale è lo specchio di una cucina ben organizzata. Un piano di lav...
  • Cappa cucina La cappa della cucina ha un ruolo fondamentale per il riciclo dell'aria durante le varie fasi di cottura. Fritture e pentole che contengono acqua bollente provocano odori e vapori che, oltre a invader...

Whirlpool Europe PH ACM795BA Piano Cottura Induzione, Vetro, Nero, 51x86x5.6 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 698,39€


Accorgimenti nella scelta

Piano cottura ad induzione Per scegliere il piano cottura ad induzione più adatto, oltre all'aspetto economico, occorre valutare alcune importanti caratteristiche, facilmente verificabili sulla scheda tecnica di ogni piano cottura. Innanzitutto va verificato che il piano cottura abbia il regolatore di potenza assorbita, per evitare consumi di picco spropositati o assorbimenti superiori al massimo consentito dal proprio contatore. Un'altra caratteristica che non deve mancare al piano cottura ideale è l'ampiezza delle zone di induzione, meglio ancora se queste sono modulabili con comandi differenziati e che includano vari programmi di cottura o di regolazione della potenza, che ne permettano un utilizzo diversificato. Un altro accessorio che farete bene a controllare sia presente è il timer con programma di spegnimento automatico, per ridurre ulteriormente i consumi e facilitare la cottura dei cibi. Assicuratevi infine che sia riportata l'etichetta che dichiara l'adesione al Regolamento UE n. 66/2014, che stabilisce le linee guida per la costruzione ecocompatibile degli elettrodomestici, quali forni, piani cottura e cappe da cucina.


Piani cottura ad induzione: Accorgimenti per l'utilizzo

Adattatore pentola per induzione Prima di utilizzare il piano cottura a induzione accertatevi che il vostro impianto elettrico sia a norma e che i cavi di collegamento e la presa siano idonei al voltaggio della cucina. Dovete anche verificare che pentole, padelle, tegami e caffettiere di cui disponete siano idonee ad attivare l'induzione. Il fondo dei vostri set da cucina deve contenere ferro. Pertanto andranno benissimo le pentole d'acciaio e quelle di ferro-smalto, ma non potrete utilizzare terracotta, rame, vetroceramica o alluminio, a meno che non acquistiate l'apposito adattatore previsto per l'induzione sul quale poggiarle. Verificare le pentole adatte non sarà poi cosi complicato, basterà munirsi di una piccola calamita: se resterà attaccata al fondo, vi segnalerà la presenza di ferro e quindi l'idoneità per l'utilizzo sul piano cottura a induzione. Verificate anche che i contenitori per la cottura non siano deformati. Un fondo deformato appoggiato sul piano cottura ad induzione, oltre a non cuocere bene gli alimenti potrebbe provocare incidenti e bruciature scivolando o rovesciandosi. Per la vostra sicurezza, le pentole rovinate vanno buttate.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO