Muri di tufo

I muri in tufo sono anche naturali

I muri in tufo sono formati da blocchi di pietra calcarea. Questo materiale poroso si forma dai corsi d'acqua a temperatura ambiente. L'acqua sorgente contiene molto spesso calcare disciolto, quando l'acqua arriva in superfice, la calce a contatto con l'aria precipita e sedimenta formando i depositi carsici. Il tufo è molto comune in Italia e appena estratto risulta morbido al taglio, e anche quando in seguito indurisce è facile da lavorare molto più di pietre dure come il granito o il travertino. Di contro è pressocché impossibile ottenere dal tufo la superfice liscia che si ottiene dal marmo, e il tufo resta una pietra più grossolana e con una texture che ricorda la pomice. Il tufo rassodandosi forma spesso barriere naturali, trasformando i fiumi sorgivi in catene di piccoli laghi separati da dighe di tufo oppure vere e proprie pareti e muri di tufo tra cui scorre l'acqua come lungo un acquedotto. Sono famose le grondaie di pietra di Uster Ling in Baviera.
un muro in tufo

Mattoncini diamantati in tufo 25x12x5,5 - 16pz - pavimenti aiuole giardino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 35€


Il tufo, estrazione e utilizzo in muratura

Parete in tufo Il tufo estratto veniva un tempo lavorato manualmente, oggi prevede una procedura particolare che richiede precisione e macchinari di tecnologia avanzata. L'estrazione stessa non avviene più col piccone ma con seghe a motore grandi e in grado di tagliare blocchi in forma di perfetti parallellepipedi. I blocchi vengono usati in edilizia per le caratteristiche di leggerezza oltre che per la facilità di lavorazione. Il tufo che viene utilizzato per costruire i muri ha caratteristiche di granulosità tale da trattenere perfettamente la malta, che assorbe l'eccesso di umidità. I blocchi di tufo hanno scarsa conducibilità termica e riescono a garantire un isolamento termico superiore a quello dato dai comuni laterizi. La resistenza alla compressione, invece, trattandosi di un materiale tenero è limitata. La resistenza dei blocchi varia a seconda della cava da di estrazione e, di conseguenza, la resistenza dei muri in tufo dipende molto anche dal tipo di malta utilizzata e dalla regolarità degli elementi nella posa in opera. I tufi più porosi possono assorbire umidità e soffrire degli inconvenienti legati al gelo, lasciati a faccia vista possono liberare polvere.

  • Esempi mattoni refrattari Grazie alla loro capacità di sopportare grandi temperature, fino a 500°C di norma, i mattoni refrattari sono utilizzati generalmente per la costruzione di forni e camini. I mattoni refrattari sono rea...
  • Carriola elettrica La carriola elettrica è composta da: un cassone, un telaio, delle ruote gommate, stanghe e, infine, delle impugnature o manici. Generalmente sotto il cassone è posizionato un piccolo motore elettrico ...
  • Rotolo fibra vetro Il kit in questione comprende, naturalmente, la fibra di vetro in rotoli o fogli ed un barattolo di resina: si tratta delle materie prime necessarie per la realizzazione della vetroresina. Generalment...
  • Muro divisorio I muri divisori sono le pareti non portanti della casa, servono per dividere le varie stanze e isolarle. La proprietà più importante che devono avere i muri divisori è certamente quella fono isolante....

Mattoni pietra Carparo - blocchetti muri pavimenti tufo giardino (37x15x11)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,3€


Muri di tufo: Muro in tufo per giardini rocciosi

tufo con piante Un muro in tufo può servire come supporto per la crescita delle piante e spesso belle formazioni naturali si trovano coperte da piante e muschi. La particolarità del tufo è che è in grado di assorbire molta acqua che verrà rilasciata anche dopo molto tempo. Durante i periodi più secchi fornirà quindi alla pianta l'umidità rimasta nella pietra, anche quando all'esterno appare asciutta. La struttura porosa come la spugna fa anche in modo che le radici delle piante possano penetrare nel muro di tufo con facilità. Per il muro è importante scegliere pietre mediamente dure e piuttosto grandi, i fori dovrebbero essere di 2,5 cm e profondi 15 cm. I fori della pietra a volte sono interconnessi e possono essere riempiti con una miscela di graniglia, torba, argilla e muschio. Le piante selezionate vanno collocate nei fori facendo attenzione a non danneggiare le radici. Le piantine abbastanza grandi sono ideali, ma possono essere innestate talee e semi. Le piante che crescono meglio nel muro di tufo sono le sassifraghe che amano crescere su strutture verticali. Questo tipo di muro è anche il luogo ideale per la crescita di alcune specie alpine rare e difficili da coltivare.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO